Tuesday, October 13, 2009

Angelicum nella RADIO VATICANA


Conferenza all’Angelicum sui 150 anni di evangelizzazione di Taiwan

◊ “La Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli (già ‘De Propaganda Fide’) e l’Evangelizzazione di Taiwan”, “Storia, Politica e Missione nel contesto del secondo periodo dell’Evangelizzazione di Taiwan”, “L’esperienza missionaria dei missionari verbiti, delle suore orsoline”… sono alcuni degli argomenti trattati dai relatori durante la Conferenza intitolata “The Taiwan Story: The Second Wave of Evangelization” che si è tenuta ieri pomeriggio nell’aula minor della Pontificia Universitа San Tommaso d’Aquino (Angelicum) di Roma. La Conferenza - riferisce l'agenzia Fides - è stata frutto della collaborazione dell’ambasciata della Repubblica Cinese presso la Santa Sede con l’Università domenicana, per celebrare il 150° anniversario dell’introduzione del cattolicesimo a Taiwan. I Domenicani sono stati i protagonisti e i promotori dell’evangelizzazione di Taiwan, il loro cammino missionario sull’isola coincide con la storia stessa dell’evangelizzazione di Taiwan, con numerose brillanti figure di Domenicani che hanno dedicato la propria vita alla gente dell’isola. Presenti alla conferenza anche tanti operatori religiosi che curano la pastorale nelle comunità di lingua cinese, condividendo le esperienze più significative sulle attività di evangelizzazione di Taiwan. Mons. Luis Clavell sulla “Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e l’Evangelizzazione di Taiwan” nel suo intervento ha rilevato che alla fine del XVII secolo “l’importanza della Cina era tale che venne creata una Congregazione particolare, dentro lo stesso dicastero, incaricata di trattarne i problemi con indipendenza di azione”. Inoltre ha ricordato che “sebbene l’inizio del cattolicesimo a Taiwan risalga al 1626, per opera di padre Bartolomè Martìnez ed altri cinque domenicani, il dicastero missionario comincia ad interessarsi della missione nella Cina nella Congregazione dell’11 novembre 1625”. Oltre alle difficoltа e ai problemi, mons. Clavell ha indicato anche i momenti più significativi del rapporto tra la Congregazione di Propaganda Fide e Taiwan, concludendo con una nota di speranza: “Possiamo dire che, dopo secoli di semina evangelica, ci sono segni di un'acquisita maturità nella fede e di un promettente futuro”. (R.P.)