Saturday, February 20, 2010

Confessione/Confessions


Confessioni durante la Quaresima
(vicino la Cappella dell'Adorazione)
Lunedì 10:15-10:30
Mercoledì 09:15-9:30
Venerdì 10:15-10:30
(o contattare P. Benedetto OP direttamente, l'estensione 217 dalla portineria)


Special Opportunity for Confessions During Lent
(near the Adoration Chapel)
Mondays 10:15-10:30AM
Wednesdays 9:15-9:30AM
Fridays 10:15-10:30AM
(or contact Fr. Benedict OP directly, extension 217 from portineria)

XXV WYD/XXV GMG


25th World Youth Day Celebration

In preparation for this major event with the Holy Father, the Official World Youth Day Pilgrim Cross will be at the Angelicum from 7-9 March in the university's adoration chapel

The visit of the WYD Cross will prepare us and join us with all the Youth/University Students of Rome on Thursday 25 March 2010 in St. Peter's Square in the Vatican at 7:00PM when Pope Benedict XVI will meet the Youth.

(TICKETS WILL BE MADE AVAILABLE FOR THIS EVENT FOR ALL ANGELICUM STUDENTS - WATCH FOR ANNOUNCEMENTS)

*Tickets will be available also for Palm Sunday Papal Mass (28 March, 2010, St. Peter's Square in the Vatican, 9:30AM)

XXV Giornata Mondiale della Gioventù

Per la preparazione di questo grande evento con il Santo Padre la Croce Ufficiale della Giornata Mondiale Gioventù ci sarà all'Angelicum 7-9 marzo nella capella d'adorazione dell'università

La visita della GMG Croce ci prepara e di unirci con tutti i giovani / universitari di Roma il Giovedi 25 Marzo 2010 in Piazza San Pietro in Vaticano a 19:00, quando Papa Benedict XVI incontrerà i giovani

(I biglietti saranno disponibili per questo evento per tutti gli STUDENTI dell'ANGELICUM - Sta attento ad annunci riguardanti questo evento)
!)

*I biglietti saranno disponibili anche per la Domenica delle Palme 28 Marzo 2010, Piazza San Pietro in Vaticano, ore 9.30 - S. Messa con il Papa

Karol Wojtyla Discussion Group


In honor of our most distinguished alumnus, the Chaplaincy of the Angelicum cordially invites you to join the "Karol Wojtyla Discussion Group" in Aula 11 on most Mondays from 12:40pm-1:40pm (beginning March 1, 2010.


+ UPCOMING TOPICS THIS SEMESTER

1) "A Wounded Way of Love? Dysfunctional Families and Healthy Families" - Sr. Jane Dominic OP

2) "The Gospel(s) of the Lord(s): Theology, Culture and the Evangelisation of the Body" - Matthew John Paul Tan

3) "The Dignity of Human Life" - Deacon Jacob Bertrand

4) “Procreation: a ‘Personal’ or ‘Natural’ Good?” (Contraception) - Conor Sweeney

5) "Masculinity & Femininity: What to Do When Boy Meets Girl" (Difference and Gift) - Sr. Jane Dominic OP

6) “Is Mutual Love Enough?” - Conor Sweeney

7) "Cyborgs & Sacraments: the Redemption of Cyber-Culture" - Matthew John Paul Tan

8) "Rethinking the Female in Art" - Sr. Jane Dominic OP

9) "Homosexuality and Same-sex unions / Dignity of Marriage" - Deacon Jacob Bertrand

10) "We really like your church...and uh, we'd like to get married." - Preparing a Couple for Christian Marriage Using Theology of the Body - Fr. Benedict Croell OP

CHECK OUR WEB SITE BY CLICKING HERE

JOIN OUR DISCUSSION ON FACEBOOK

Thursday, February 18, 2010

DIZIONARIO DI ECONOMIA CIVILE


L'Editrice Città Nuova e la Pontificia Università della Santa Croce sono liete di invitare la S.V. alla presentazione del volume:

" Dizionario di Economia Civile," Luigino Bruni & Stefano Zamagni (edd.)

Roma, venerdì 26 febbraio 2010 - ore 17.30
Pontificia Università della Santa Croce, Aula ALvaro del Portillo, Largo di S. Apollinare, 49 - 00186

Presiede

Prof. Luis Romera
Magnifico Rettore della Pontificia Università della Santa Croce di Roma

Modera

Profsa. Helen Alford, OP, Docente di Etica economica e Decano della Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università San Tommaso di Roma

Intervengono

Walter Baldaccini,
Imprenditore

Andrea Olivero, Presidente Nazionale delle ACLI Portavoce Unico del Terzo Settore

On. Savino Pezzotta

Saranno presenti

Stefano Zamagni, Curatore

Maria Gabriella Baldarelli, Comitato editoriale del Dizionario

Sarà presente l’Editore

Ufficio stampa Città Nuova

tel. 06.3216.212 - fax 06.32.07.185
e-mail ufficiostampa@cittanuova.it - web:www.cittanuova.it

Wednesday, February 17, 2010

Dies Cinerum




Remember, O man, that you are dust, and unto dust you shall return.
—Genesis 3:19

Turn away from sin and be faithful to the Gospel.
—Mark 1:15

Polvere tu sei e in polvere tornerai.
—Genesi 3:19

Convertitevi e credete al vangelo.
—Marco 1:15

Family Life and Lent


By Michael Monshau, O.P. is Professor of Liturgy, Homiletics, and Spirituality

Do you need Lent this year or are you planning on doing without it, or don’t you think about such things ahead of time at all? God has called you to holiness, which is another way of saying that He has invited you into intimate friendship with Him. Lent is a good time to invest more deeply into that friendship. How will you be investing yourself more radically into that friendship this Lent? Will your experience of Lent be a rather personal and private affair, or can it be a family project in your home? Will friends be included? Will Lenten activities at your parish figure into your plans? What will Lent be like for you this year?

Most observers of human life tell us that the best way to stay faithful to any project, especially a challenging one, is to engage that project in the company of others. That is precisely why Lent is such a good time to attend to one’s friendship with God; as a Christian, you are surrounded by a whole world of other Christians trying to do exactly the same thing at that same time: grow in holiness. The designation of this intensely spiritual period of forty days suggests the likelihood that companions for this journey are more readily available than at any other time of the year. So before beginning to identify your Lenten project, whether it will be a commitment to scheduled study of the Catechism, a determination to attend daily Mass or spend time each day in front of the Eucharistic Lord in the tabernacle, or to engage in some penance or act of charity, perhaps the most helpful strategy will be to determine who could be the best partner(s) or support system in helping you to remain faithful to your Lenten journey.

An oft-forgotten but built-in Lenten support system for many people is the family. Family life cannot be overstated as one of the most typical situations through which God reaches out to us. During his remarks at the Sunday Angelus on the recent feast of the Holy Family, the Holy Father remarked that "God wished to reveal Himself by being born in a human family, and hence the human family has become an icon of God.” Elsewhere in the same address the Holy Father instructed, "God is Trinity.... The human family is, in a certain sense, the icon of the Trinity because of the love between its members and the fruitfulness of that love." The Pope also noted, "God, by having come into the world in the bosom of a family, shows that this institution is a sure way to meet and know Him, and a permanent call to work for the loving unity of all people…. In truth, the family is the best school in which to learn to live the values that dignify individuals and make peoples great. There too sufferings and joys are shared, as everyone feels cloaked in the affection that reigns in the home by the mere fact of being members of the same family."

This is not a new theme for the Holy Father. Glancing back to 2005, one recalls that the His Holiness wrote to the participants of the Fifth World Meeting of Families in Valencia, Spain, saying, “Today more than ever, the Christian family has a very noble mission that it cannot shirk: the transmission of the faith, which involves the gift of self to Jesus Christ who died and rose, and insertion into the Ecclesial Community.” Can there be any doubt, then, that one of the surest ways to experience the season of Lent fruitfully this year will be to plan on making Lent a family project. Plan Lenten activities for the whole family (and include family members who live in different households: grandparents, cousins, aunts and uncles, married siblings, and so forth).

One may ask, “How can this be done?” Another might point out, “The idea sounds interesting, but what would it look like? We have so many different schedules; we don’t easily discuss matters of faith in our home; the youngsters aren’t interested, or, the youngsters are interested but their elders aren’t.” The famous Rosary priest, the late Father Patrick Peyton, C.S.C., made popular the adage, “The family that prays together, stays together.” Prayer, and in fact, any sort of shared devotional experience, has enormous potential for bonding families closer together. With this motivation, perhaps some of the following suggestions can work for your family this Lent, or perhaps they can serve as ideas out of which your family can create some of its own Lenten practices, practices that might become long-standing family traditions in the years to come.

To begin with, enter into Lent with the universal Church. At all costs, try to attend Mass together as a family on Ash Wednesday and receive ashes. The mere fact that all have shared in this experience can’t help but become part of conversation later in the day. Since Ash Wednesday is a day of fast and abstinence, plan the family menu for that day together, reinforcing that this penance is something we do because we are Catholics. The young will want to ask more about the reasons for this practice; be prepared to answer them correctly. Shared menu planning can actually become a family project for all of the Fridays in Lent, which are days of abstinence. Observing the Church’s regulations in this way will teach the young (and perhaps remind the elders) of the difference between fast and abstinence, the requirements and the reasons for each.

Can the family choose a common charity they wish to support during Lent? Discussing the reasons for this and the possibilities will be a catechetical and a bonding exercise; family members will hear one another express personal values as they promote or discourage donating family support to various needy causes. It will be important to contribute to a Church-related entity so that the spiritual dimension of this act of charity is not obscured. What we do, we do as people of faith, called by Jesus Christ. Encouraging the setting aside of some allowance money or consciously eating simpler fare at a weekly meal so that the money ordinarily appropriated for the meal can be given away, can be a meaningful common project shared by parents and children. A “donation bank” prominently displayed somewhere in the home, ready to receive whatever donations individual family members choose to contribute can help the family to center on this act of charity throughout the season.

Can the generosity transcend a financial offering? Family members might collaborate on acts of service or volunteer labor they can contribute to a neighbor in need or to a local service agency. There are always dishes needing washing wherever Mother Theresa’s Missionaries of Charity are feeding the poor; some yard work for an elderly neighbor could be another worthy option. Cultivating responsible attentiveness to one’s own house chores, when reinforced as one of the ways family members show their care for one another, can be another way of observing Lent together in the home.

Friday is often set aside for the Stations of the Cross during Lent. This devotion can be a devotional focal point for the family’s Lenten prayer together. Whereas it is always good to participate at whatever liturgies or devotions one’s parish sponsors, it can also be fun for a family to choose a different place to attend Stations each week. Neighboring parishes typically feature this weekly service in Lent, as do most religious houses, many of which set out the welcome mat for visitors. The Stations are a devotion rather than a liturgy, and therefore anyone can preside. Stations booklets, which are not even necessary, are easily available. The family might want to pray the Stations of the Cross apart from a parish or other ecclesial community; this is quite laudable. A parent might lead the prayers; the youngsters can take active roles. Planning the time and place for this weekly devotion can make for an interesting family project.

Of course, attendance at daily Mass is the most excellent of Lenten activities. If daily Mass is not part of the family’s regular routine, the initiative of one or two members to try to get to daily Mass in Lent can serve as motivation for others. In Rome, there are “Stational Masses” during Lent (and selected other days of the year, as well). The Holy Father always begins Lent by offering the Ash Wednesday Mass at Santa Sabina, the Dominican Generalate, where the Dominican friars and the Benedictine monks have all processed from nearby Sant’ Anselmo (the Benedictine Generalate) to greet him. Every succeeding day in Lent is assigned to a stational church. At least from time to time, the family might try attending Mass at a chapel or church other than their home parish, in a spirit of harmony with this Lenten tradition taking place in Rome. (More on this practice can be found on-line at: http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_academies/cult-martyrum/documents/rc_pa_martyrum_20020924_stazioni_en.html)

Family members might agree to the viewing of a religious or family-oriented film once a week during Lent. A family study project, for example, the shared examination of a portion of sacred scripture during Lent, is recommended by some.
Sometimes it is helpful to rearrange the religious articles in the home. Typically, the Catholic home features a beloved picture or statue of the Madonna. It can sometimes increase devotion by putting that sacramental away during Lent and replacing it with a likeness of the Pieta, or Our Lady of Sorrows, the weeping Lady of LaSalette, or the Virgin of Guadalupe who shows her concern especially for the poor. Finding the usual Marian likeness back in its place after Easter reminds family members of the sacred seriousness of the Lenten season and the subsequent Triduum, the highest event of the Church year.

There is fasting and then there is fasting. Parents contribute significantly to their children’s faith development by adhering conscientiously to the Church’s regulations for days of fast and abstinence in Lent. Then there can be other forms of fasting upon which family members agree: fasting from television or internet use during the one hour of the day when family members are most typically at home and can enjoy some quality time together; fasting from dessert on certain days; fasting from argument, competitiveness or harshness.

Most Catholics find themselves celebrating the Sacrament of Reconciliation at least once during the season of Lent; many celebrate weekly. Often this is a personal journey. The family might find that going together to church with one another so that each can make their Confession on the same day can become a treasured Lenten family event.

These suggestions are not exhaustive, nor are their correct or incorrect ways to adapt them. Rather, these ideas will probably be most useful if they simply draw attention to the reality that families might draw great spiritual strength by accompanying one another through Lent instead of trying to observe the Church’s great penitential season alone. The family, often called the domestic church, is usually the first place the Catholic experiences Christian formation, shared prayer and community life. These roles are appropriate to the family. They strengthen the family. Might they be useful for your family this year?

(©L'Osservatore Romano - 17 febbraio 2010)

Monday, February 15, 2010

L'adorazione del Santissimo Sacramento/Adoration of the Blessed Sacrament


L'adorazione del Santissimo Sacramento
inizia Lunedi, 22 Febbraio

Si prega di essere generosi per aiutarci ad avere almeno 2 guardiani per ogni ora
(l'elenco si trova presso la cappella)

Messa in lingua inglese alle 07:50 ogni giorno di lezioni
Messa in lingua italiano alle 12:20 ogni giorno di lezioni

Adoration of the Blessed Sacrament
starts Monday, 22 February

Please be generous to help us have at least 2 guardians for each hour
(the list is located near the chapel)

Mass in English at 07:50 each day of class
Messa in Italiano ore 12,20 giorni di lezioni


Sacrament of Confession? (Italian/English)
call Fr. Benedict OP from the portineria

Sacramento della Confessione? (italiano/inglese)

call Fr. Benedetto OP dalla portineria

Sunday, February 14, 2010

Rome Carnival/Carnevale Roma 2010




Carnival (Carnaval, Καρναβάλι (Carnavali), Carnevale, Carnestoltes, Carnaval, Karneval, Carnaval and Karnawał in Portuguese, Greek, Italian, Catalan, French, Dutch, German, Spanish and Polish languages) is a festive season which occurs immediately before Lent; the main events are usually during February. Carnival typically involves a public celebration or parade combining some elements of a circus, masque and public street party. People often dress up or masquerade during the celebrations, which mark an overturning of daily life.

Carnival is a festival traditionally held in Roman Catholic and, to a lesser extent, Eastern Orthodox societies. Protestant areas usually do not have carnival celebrations or have modified traditions, such as the Danish Carnival or other Shrove Tuesday events. The Brazilian Carnaval is one of the best-known celebrations today, but many cities and regions worldwide celebrate with large, popular, and days-long events. These include the Carnevale of Venice and the Carnevale of Viareggio, Italy, the German Rhineland carnivals, centering on the Carnivals in Dusseldorf,Cologne and Mainz; the carnival of Santa Cruz de Tenerife, Canary Islands; in Andalusia(Spain)Carnival of Cádiz ; the carnival of Cape Verde; of Torres Vedras, Portugal; Rio de Janeiro, Brazil; Rijeka, Croatia; Barranquilla, Colombia; Dominican Republic; Haiti; Jamaica; the Carnaval and the Llamadas in Montevideo, Uruguay and Trinidad and Tobago Carnival. In the United States, the famous Mardi Gras celebrations in New Orleans, Louisiana, and Mobile, Alabama, date back to French and Spanish colonial times.

Il carnevale è una festa che si celebra nei paesi di tradizione cristiana (soprattutto in quelli di tradizione cattolica). I festeggiamenti si svolgono spesso in pubbliche parate in cui dominano elementi giocosi e fantasiosi; in particolare, l'elemento distintivo e caratterizzante del carnevale è l'uso del mascheramento.

Benché facente parte della tradizione cristiana, i caratteri della celebrazione carnevalesca hanno origini in festività ben più antiche, come ad esempio le dionisiache greche o i saturnali romani, che erano espressione del bisogno di un temporaneo scioglimento dagli obblighi sociali e dalle gerarchie per lasciar posto al rovesciamento dell'ordine, allo scherzo ed anche alla dissolutezza.

Nel XV e XVI secolo, a Firenze i Medici organizzavano grandi mascherate su carri chiamate “trionfi” e accompagnate da canti carnascialeschi, cioè canzoni a ballo di cui anche Lorenzo il Magnifico fu autore. Celebre è il Trionfo di Bacco e Arianna scritto proprio da Lorenzo il Magnifico. Nella Roma del governo papalino si svolgevano invece la corsa dei barberi (cavalli da corsa) e la "gara dei moccoletti" accesi che i partecipanti cercavano di spegnersi reciprocamente.

La parola carnevale deriva dal latino "carnem levare" ("eliminare la carne"), poiché anticamente indicava il banchetto che si teneva l'ultimo giorno di carnevale (martedì grasso), subito prima del periodo di astinenza e digiuno della Quaresima.[senza fonte]

Il Carnevale non termina ovunque il Martedì grasso; fanno eccezione il Carnevale di Viareggio, il Carnevale di Ovodda[1], il carnevale di Poggio Mirteto ed il carnevale di Borgosesia. In diversi Carnevali il martedì grasso si rappresenta, spesso con un falò, la "morte di Carnevale".

Saturday, February 13, 2010

La santità del sacerdote, alla luce di S. Tommaso d'Aquino


di Mons. Joao Scognamiglio Cla Dias, EP, ex-alunno dell'Angelicum et fondatore dell'Araldi del Vangelo

Considerando in profondità l’essenza dell’ordinazione sacerdotale e dello stesso ministero sacro, San Tommaso ci insegna che il presbitero deve tendere alla perfezione ancora di più rispetto a un religioso o una suora. Per comprendere questo insegnamento, basta infatti tenere ben presente l’alto grado di santità che la Celebrazione Eucaristica e la santificazione delle anime richiedono da un ministro,1 come ci esorta il Divino Maestro: “Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini. Voi siete la luce del mondo” (Mt 5, 13-14a). Tenuto conto di questa enorme responsabilità, si comprende il motivo per il quale non pochi santi hanno avuto timore dell’ordinazione sacerdotale.

E’ una questione di scottante attualità, perché il maggiore o minore successo del suo ministero a favore dei fedeli può dipendere, in particolare, dal sacerdote stesso. Sappiamo che i Sacramenti operano con efficacia per il potere di Cristo, producendo la grazia di per sè. Tuttavia, la loro profondità sarà maggiore o minore a seconda delle disposizioni interiori di chi li riceve. E qui entra in gioco un elemento soggettivo, nel quale ha un importante ruolo l’azione pastorale del ministro ordinato, poiché la sua virtù, il suo fervore, il suo impegno a predicare il Vangelo, in definitiva, la santità della sua vita — che è, a sua volta, una forma eccellente ed insostituibile di predicazione—, possono influenzare i fedeli
a ricevere i Sacramenti con migliore disposizione, beneficiandosi maggiormente dei loro frutti.

Sarà questo il fattore più rilevante per il buon adempimento del ministero sacerdotale?

A tal proposito, nella Lettera per la Proclamazione dell’Anno Sacerdotale,
del 16 giugno scorso, Papa Benedetto XVI evidenzia che il sacerdote deve apprendere da San Giovanni Maria Vianney “la sua totale identificazione col proprio ministero”.

Ecco perché il Santo Padre vuole, in questo tempo, “favorire la tensione dei sacerdoti verso la perfezione spirituale da cui dipende, principalmente, l’efficacia del loro ministero”.2

È questo punto — di massima importanza per la vita della Chiesa, specialmente per la missione di annunciare il Vangelo e santificare i fedeli — che verrà qui sviluppato: la relazione tra efficacia del ministero sacerdotale e santità personale di coloro che lo esercitano.

Si ricorrerà innanzitutto al perenne insegnamento di San Tommaso d’Aquino.

La santità del sacerdote, una esigenza


Fin dall’Antica Legge, la persona del sacerdote è stata circondata da una dignità che richiede una vita esemplare. Così, nel Libro del Levitico, troviamo un doppio appello alla santità. Da una parte, su ordine di Dio, Mosè esorta il popolo di Israele a cercare la perfezione: “Parla a tutta la comunità degli Israeliti e ordina
loro: Siate santi, perché io, il Signore, Dio vostro, sono santo” (Lv 19, 1). Ai
sacerdoti la santità è richiesta con più ragione, perché sono loro che offrono sacrifici, giocando il ruolo di intermediari tra Dio e il popolo. Presentarsi
macchiato dal peccato davanti all’Altissimo, per esercitare il munus sacerdotale, sarebbe un affronto al Creatore. “I sacerdoti [...] saranno santi per il loro Dio e non profaneranno il nome del loro Dio, perché offrono al Signore sacrifici consumati dal fuoco, pane del loro Dio; perciò saranno santi” (Lv 21, 5-6).

Dal momento che l’Antico Testamento è prefigurazione del Nuovo, si comprende la necessità che, nella Nuova Alleanza, la santità raggiunga un grado maggiore. Questo si riflette nella teologia tomista, che ci presenta il ministro ordinato come elevato ad una dignità regale, nel mezzo di altri fedeli di Cristo, poiché rappresenta e, in diverse occasioni, agisce in persona Christi. Impossibile, pertanto, immaginare un Da qui, conclude il fondatore dei Redentoristi, la necessità di una dedizione integrale del sacerdote alla gloria di Dio, in modo tale che brilli agli occhi del Signore, in virtù della sua buona coscienza e agli occhi del popolo per la sua buona reputazione.3

A questo proposito ancora, la dottrina tomista ricorda la necessità che i ministri del Signore abbiano una vita santa: “In omnibus ordinibus requiritur sanctitas vitæ”.4 Devono, pertanto, soprattutto loro, essere il più possibile simili allo stesso Dio: “Siate perfetti così come il vostro Padre Celeste è perfetto” (Mt 5, 48.

Sono note le invettive di Nostro Signore contro gli scribi e i farisei.
Ciò che Gesù recriminava a questi uomini, che tanto conoscevano la Legge, era proprio il fatto di non vivere quello che insegnavano. Pretendendo di apparire agli occhi degli altri come illustri esecutori dei precetti mosaici, non avevano una retta intenzione, né vero amore per Dio. I loro riti esteriori non erano accompagnati dalla compunzione di cuore. Affinché i sacerdoti della
Nuova Alleanza, non cadano nello stesso difetto, è opportuno ricordare il commento alle Sentenze di Pietro Lombardo, in cui San Tommaso afferma: “Coloro che si dedicano ai ministeri divini ottengono una dignità regale e devono essere perfetti nella virtù, come si legge nel Pontificale”.5

È per questo che nell’omelia suggerita nel rito di ordinazione sacerdotale è inclusa
questa toccante esortazione: “Prendi coscienza di quello che fai, e metti in pratica ciò che celebri, in modo che, nel celebrare il mistero della Morte e Risurrezione del Signore, farai ogni sforzo per mortificare il tuo corpo, fuggendo i vizi, per vivere una nuova vita”.6

L’amore ha portato il Signore Gesù a offrire la propria vita in olocausto sulla
Croce, per la redenzione dell’umanità. Anche coloro che sono chiamati ad essere mediatori tra Dio e gli uomini, devono esercitare il loro ministero per amore, come insegna l’Aquinate.

Il sacerdote, quindi, è chiamato ad un grado di santità speciale:
“Dall’Ordine sacro, il chierico è consacrato ai ministeri più degni che esistono, nei quali egli serve Cristo nel Sacramento dell’altare, il che richiede una santità interiore maggiore di quella richiesta nello stato religioso”.7

Il sacerdote è un modello per i fedeli


Essendo visto dai fedeli come una persona scelta da Dio a guidarli, il ministro ordinato deve essere sempre esempio illustre di virtù, come raccomanda l’Apostolo al suo discepolo Tito: “Mostrati in tutto modello di buona condotta: per la purezza
di dottrina, dignità, linguaggio sano e irreprensibile, perché il nostro avversario resti confuso, non avendo nulla di male da dire sul conto nostro.” (Tt 2, 7-8).

Infatti, un comportamento irreprensibile, infiammato dalla carità, che dà testimonianza della bellezza della Chiesa e della verità del messaggio evangelico, parlerà molto più profondamente ed efficacemente alle anime che il più logico ed eloquente dei discorsi: “La gloria del maestro è la vita virtuosa del discepolo, come la salute dell’infermo ridonda a lode del medico. [...] Se presentiamo le nostre buone opere, sarà lodata la dottrina di Cristo”.8

Cristo è il vero modello del ministro consacrato. È in Lui che il sacerdote deve configurarsi, non solo per il carattere sacramentale, ma anche per l’imitazione delle sue perfezioni, in modo che in lui i fedeli possano vedere un altro Cristo. Solo allora questi si sentiranno attratti dal buon esempio del loro pastore e guida.

Data la natura sociale dell’uomo, la buona reputazione derivante dalla pratica
della virtù conduce gli altri all’imitazione. Così, quanto più somiglianti a Cristo i fedeli troveranno i ministri di Dio, tanto più facilmente, essi si lasceranno guidare da loro. Pertanto, più efficace sarà il loro ministero.

La sacralità del sacerdote

Un elemento connesso al buon esempio è la proporzionata rispettabilità di cui deve circondarsi il ministro di Dio — non solo per il comportamento inattaccabile, ma anche per la postura, per il modo di essere e per l’abito — in modo che le sue azioni esercitino più influenza nell’anima dei fedeli.

Infatti, anche ai nostri giorni, l’esperienza quotidiana ci mostra come è impressionante l’ammirazione che si porta al religioso o sacerdote che si presenta come tale. Questa rispettabilità, che ad alcuni può sembrare artificialità, si rivela essere un prezioso aiuto al ministro stesso, perché contribuisce a tener sempre presente la grande dignità di cui è stato investito, che ha impresso carattere
nella sua anima, per tutta l’eternità, oltre ad essere, allo stesso tempo, una salutare protezione contro le innumerevoli seduzioni del mondo.

La Santa Messa, fonte della santità sacerdotale


In questo Anno Sacerdotale, iniziato in occasione dei 150 anni della morte del Santo Curato d’Ars, modello di sacerdote, viene a proposito ricordare la sua radicata e ardente devozione alla Santa Messa: “Se conoscessimo il valore della Messa, moriremmo. Per celebrarla degnamente, il sacerdote dovrebbe essere santo. Quando saremo in Cielo, allora vedremo che cos’è la Messa, e come tante volte la celebriamo senza la debita reverenza, adorazione, raccoglimento”.9

Nel decreto Presbyterorum ordinis, il Concilio Vaticano II, in perfetta armonia con la dottrina tomista, riassume mirabilmente la centralità dell’Eucaristia nella vita spirituale del sacerdote, come suo principale
mezzo di santificazione.

Ricorda, in seguito, che è attraverso il ministero ordinato che il sacrificio spirituale dei fedeli si consuma in perfetta unione con il sacrificio di Cristo, offerto nell’Eucaristia in modo incruento e sacramentale.

Afferma inoltre che “a questo tende e in questo si consuma il ministero
dei presbiteri. Infatti, il loro ministero, che inizia con la predicazione del Vangelo, prende dal sacrificio di Cristo la loro forza e la loro virtù”.10 Il che equivale a dire che il sacerdote vive per la Celebrazione Eucaristica ed è da questa che deve acquistare la forza per progredire nella pratica della virtù.

Garrigou-Lagrange, OP sintetizza con precisione questa dottrina: “Il sacerdote deve considerarsi ordinato principalmente per offrire il Sacrificio della Messa. Nella sua vita, questo Sacrificio è più importante dello studio e delle opere esteriori di apostolato. Infatti, il suo studio deve essere indirizzato alla conoscenza sempre più approfondita del mistero di Cristo, sommo Sacerdote e il suo apostolato deve derivare dall’unione con Cristo, Sacerdote principale”.11

Royo Marín, commentando l’esortazione del Pontificale Romano, fatta dal Vescovo agli ordinandi, afferma con enfasi che la Santa Messa è “la funzione più alta e augusta del sacerdote di Cristo”.12 E, conoscitore delle molteplici occupazioni pastorali di un sacerdote, che possono facilmente distrarlo dal fulcro della sua vocazione di mediatore tra Dio e gli uomini, rafforza la stessa idea, subito dopo, con accese parole di zelo sacerdotale: “Si è un sacerdote in primo luogo e soprattutto, per glorificare Dio mediante l’offerta del Santo Sacrificio della Messa”.13

Benedetto XVI, trattando della vocazione e spiritualità sacerdotali, sotto una prospettiva pastorale, afferma: “La Celebrazione Eucaristica è il grande e nobile atto di preghiera e costituisce il centro e la fonte dal quale anche le altre forme di preghiera ricevono la “linfa”: la Liturgia delle Ore, l’adorazione eucaristica, la lectio divina, il santo Rosario, la meditazione”.14

L’efficacia del ministero sacerdotale


Come abbiamo visto in precedenza, la santità di vita del sacerdote, come esempio per i fedeli di Cristo, è un potente elemento per condurli alla perfezione. Bene sottolinea Mons. Chautard che a un sacerdote santo corrisponde un popolo fervente; a un sacerdote zelante, un popolo devoto; a un sacerdote pio, un popolo onesto; a un sacerdote onesto, un popolo malvagio.15 Grande è, dunque, il ruolo della virtù del ministro, per il successo del suo ministero.

Per quanto riguarda l’applicazione del valore della Santa Messa, con finalità propiziatoria, si può parlare della sua efficacia soggettiva, dipendente dalle disposizioni di chi la celebra e di coloro ai quali essa si applica, come spiega San Tommaso: “Sebbene l’offerta dell’Eucaristia, per la sua stessa grandezza basti alla soddisfazione di ogni pena, tuttavia ha valore di soddisfazione per coloro per cui viene offerta, o per coloro che la offrono, secondo la misura della loro devozione, e non di tutta la pena loro dovuta”.16

Su questo passo del Dottore Angelico, Albert Raulin commenta così: “Sarebbe una perniciosa illusione credere che l’offerente sia esonerato dal fervore con il pretesto che Cristo, offrendosi nella Messa, ha soddisfatto pienamente per tutti i peccati del mondo”.17

Di fronte a questa realtà, il sacerdote ha due grandi doveri uno verso se stesso e l’altro verso il popolo, poiché entrambi traggono beneficio dai frutti della Santa Messa, specialmente il celebrante, conforme il grado di fervore o devozione. 18

In questo modo, egli corrisponderà all’altissima dignità del suo ministero, come diceva il Santo Curato d’Ars: “Senza il sacramento dell’Ordine, non avremmo il Signore. Chi Lo ha collocato lì in quel tabernacolo? Il sacerdote. Chi ha accolto la tua anima nel primo momento dell’ingresso nella vita? Il sacerdote. Chi la nutre per darle la forza di realizzare il suo pellegrinaggio? Il sacerdote. Chi ha da prepararla a comparire davanti a Dio, lavandola per l’ultima volta nel sangue di Gesù Cristo? Il sacerdote, sempre il sacerdote. E se quest’anima arriva a morire [col peccato], chi la resusciterà, chi le restituirà la serenità e la pace? Ancora il sacerdote. [...] Dopo Dio, il sacerdote è tutto! [...] Lui stesso non si comprenderà bene da se stesso, se non in Cielo”.19

La voce della Cattedra di Pietro

Giunti al termine di questo lavoro, invece di ricapitolare l’argomento trattato, come sarebbe di prammatica nel migliore stile accademico, ci sembra filiale verso la
Cattedra di Pietro ricordare qui, a titolo di conclusione, alcuni punti importanti di documenti recenti del Magistero Pontificio sul sacerdozio.

Non smette di commuovere come, nella sua ultima Lettera ai Sacerdoti, nel 2005, Papa Giovanni Paolo II abbia voluto centrare questo documento sulle parole della Consacrazione, quasi a voler sottolineare che l’apice della sua vita sacerdotale si stava avvicinando, con l’offerta del suo stesso sacrificio, con il dono totale della vita unita al sacrificio di Cristo. Offerta raccomandata dall’attuale pontefice nella Lettera per la Proclamazione dell’Anno Sacerdotale, citando queste parole del Santo Curato d’Ars, “Come fa bene un sacerdote offrendosi in sacrificio a Dio, tutte le mattine!”.

Infatti, Giovanni Paolo II iniziava la sua ultima Lettera ricordando che “se tutta la Chiesa vive dell’Eucaristia, l’esistenza sacerdotale deve a titolo speciale assumere ‘forma eucaristica’”.20

È essenziale che il sacerdote, per salvare coloro che gli sono affidati, offra il proprio sacrificio, unito a quello di Cristo, ad esempio di San Paolo: “Perciò sono lieto delle sofferenze che sopporto per voi e completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo, a favore del suo corpo che è la Chiesa” (Col 1, 24). È in questa maniera che le parole della Consacrazione si trasformano in “formula di vita”, secondo l’esempio dato dal Servo di Dio Giovanni Paolo II. Insegnamento questo ricordato anche dal suo successore, Benedetto XVI: “Le anime costano il Sangue di Cristo e il sacerdote non può dedicarsi alla sua salvezza se si rifiuta di contribuire con la sua parte per l’ ‘alto prezzo’ della Redenzione”.21

Non possiamo, infine, non evocare il ruolo insostituibile della Madre di Dio nella vita sacerdotale. “Chi può, meglio di Maria, farci assaporare la grandezza del mistero eucaristico? Nessuno può, come Lei, insegnarci con quanto fervore dobbiamo
celebrare i santi Misteri e trattenerci in compagnia di suo Figlio, nascosto sotto le specie dell’Eucaristia”.22

Ci insegna ancora questo Papa così mariano, quale è stato Giovanni Paolo II, nella sua Enciclica Ecclesia de Eucaristia: “Nel ‘memoriale’ del Calvario, è presente quanto Cristo ha realizzato nella sua Passione e Morte. Per questo, non può mancare ciò che Cristo ha fatto per sua Madre a nostro favore. Infatti, Le ha consegnato il discepolo prediletto e, con lui, ognuno di noi: ‘Ecco qui Tuo figlio. Allo stesso modo dice anche ad ognuno di noi: ‘Ecco la tua madre’” (cfr. Gv 19, 26-27).

In quest’Anno Sacerdotale, cerchiamo specialmente di stare uniti al sacrificio di Cristo con lo spirito di Maria, Egli che ha fatto di tutta la sua esistenza una Eucaristia anticipata, preparandoSi giorno per giorno alla Sua consegna suprema sul Calvario.

(Passi dello studio preparato per la Pontificia Congregazione per il Clero, in occasione dell’Anno Sacerdotale – Testo integrale in www.annussacerdotalis.org, sezione “Studi”)

1 Cf. GARRIGOU-LAGRANGE, OP, Réginald. De Sanctificatione sacerdotum, secundum nostri temporis exigentias. Roma: Marietti, 1946, pagg.66-67.
2 BENEDETTO XVI. Discorso alla Congregazione per il Clero, 16/03/2009.
3 Cf. SANTO AFONSO MARIA DE LIGÓRIO. A Selva. Porto: Fonseca, 1928, pag.6. L’Autore rimanda ai seguenti punti delle opere di San Tommaso: Summa Theologiæ, III, q.22, a.1, ad.1; Super Heb. c.5, lec. 1; Summa Theologiæ, II-II, q.184, a.8; Summa Theologiæ, Supl. q.36, a.1.
4 SANCTUS THOMAS AQUINAS, Summa Theologiæ, Supl. q.36, a.1.
5 SANCTUS THOMAS AQUINAS. IV Sent. d.24, q.2.
6 PONTIFICAL ROMANO. Rito de Ordenação de Diáconos, Presbíteros e Bispos, n. 123. São Paulo: Paulus, 2004.
7 SANCTUS THOMAS AQUINAS, Summa Theologiae, II-II, q.184, a.8., Resp.
8 Super Tit. c.2, lec.2.
9 Apud GARRIGOU-LAGRANGE, OP, Réginald. De unione sacerdotis cum Christo sacerdote et victima. Roma: Marietti, 1948, pag. 42.
10 Presbyterorum ordinis, n.12.
11 GARRIGOU-LAGRANGE, OP, op. cit., pag.38.
12 ROYO MARÍN, OP, Antonio. Teología de la Perfección Cristiana. Madrid: BAC, 2001, pag.848.
13 Idem, ibidem.
14 BENEDETTO XVI. Omelia nella Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni, 3/5/2009.
15 Cf. CHAUTARD, OCSO, Jean-Baptiste. A Alma de todo o apostolado. Porto: Civilização, 2001, pagg.34-35.
16 SANCTUS THOMAS AQUINAS, Summa Theologiæ, III, q.79, a.5, Resp.
17 In: SÃO TOMÁS DE AQUINO. Suma Teológica. São Paulo: Loyola, 2006, v.IX, pag.358.
18 Cf. ROYO MARÍN, OP, Antonio. Teología Moral para Seglares. Madrid: BAC, 1994, v.II, pag.158.
19 Parole di San Giovanni Maria Vianney, citate dal Papa Benedetto XVI nella Lettera per la Proclamazione dell’Anno Sacerdotale, del 16/6/2009.
20 GIOVANNI PAOLO II. Lettera ai Sacerdoti, n.1, 13/05/2005.
21 BENEDETTO XVI. Lettera per la Proclamazione dell’Anno Sacerdotale, 16/6/2009.
22 GIOVANNI PAOLO II. Op. cit., n.8, 13/3/2005.

(©Salvami Regina - 13febbraio 2010)

Cattolici, storia e politica. Buttiglione all'Angelicum su Giovanni Paolo II


Il prossimo lunedì 22 febbraio, alle ore 15:00, presso l'Aula San Raimondo, la Pontificia Università San Tommaso d'Aquino (Angelicum) ospiterà il Vicepresidente della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana, il filosofo on. prof. Rocco Buttiglione, il quale offrirà una conferenza sul tema "Karol Wojtyla e il Concilio Vaticano II".

E' un'occasione per ascoltare da un testimone privilegiato informazioni di prima mano su una figura centrale della storia contemporanea, nel suggestivo ambiente dell'ateneo ecclesiastico che lo vide formarsi alla fine degli anni '40. L'on. Buttiglione è stato amico personale di Giovanni Paolo II, sul quale ha anche scritto una importante monografia, ed è un autorevole analista della situazione filosofica, politica, morale e religiosa dell'Europa, situazione alla quale la tematica della conferenza è legata sotto molteplici aspetti.

La tua presenza e partecipazione attiva è molto gradita, per cui ti invitiamo di cuore, chiedendoti se possibile di diffondere questa notizia.

L'incontro s'inquadra nell'ambito del "Semestre KW" voluto dall'Università San Tommaso per onorare la memoria del servo di Dio Giovanni Paolo II, e approfondire la conoscenza del periodo della sua formazione romana. Si svolge sotto il patrocinio di: Conferenza Episcopale Italiana, Senato della Repubblica Italiana, Camera dei Deputati della Repubblica Italiana, Ambasciata di Polonia presso la S. Sede, Regione Lazio, Provincia di Roma, Comune di Roma, Istituto Polacco di Roma.

E' prevista la partecipazione di personalità ecclesiastiche, culturali, politiche, e del mondo dell'informazione.

Friday, February 12, 2010

Now its really snowing!!!!!!















Calendrario accademico 2° Semestre 2010


Febbraio

15 Lun. Inizio delle Lezioni e dei Seminari del II semestre
17 Mer. Sacre Ceneri
19 Ven. Termine delle iscrizioni, delle modifiche al piano di studio, del pagamento delle tasse accademiche del II semestre

Marzo

4 Gio. Riunione del Senato Accademico
27 Sab. Inizio delle Vacanze Pasquali (27 marzo - 11 aprile)
28 Dom. Domenica delle Palme

Aprile

4 Dom. Santa Pasqua
12 Lun. Ripresa delle lezioni
20 Mar. Ore: 10.00: Atto Accademico in onore di Jerome Murphy-O'Connor, OP No Lezione a mattina
25 Dom. Festa della Liberazione

Maggio

1 Sab. Festa di S. Giuseppe Lavoratore
14 Ven. Riunione del Senato Accademico
21 Ven. Terminano i seminari del II semestre; Festa del B. Giacinto Cormier; Angelicum Alumni Award Dinner
27 Gio. Ore 18.30: Serata di Laurea 2010
28 Ven Ultimo giorno di lezione; Ore 11.30: S. Messa di fine anno accademico

Giugno


1 Mar. Inizio degli esami della sessione estiva
2 Mer. Festa della Repubblica
29 Mar. Festa di Santi Pieto e Paolo
30 Mer. Fine esmi del II semestre

Man, Guardian of Creation; Ecologies and Theology


Scholars are reflecting in a special way on the role of the person in ecology, and how theology sheds light on this area.

This was the topic of a recent interdisciplinary course in Rome's Pontifical University of St. Thomas Aquinas, commonly known as the Angelicum.

The conference, titled, "Man, Guardian of Creation; Ecologies and Theology," was directed by two professors, Giuseppe Marco Salvati,OP and Angela Maria Cosentino. They gave a talk on Benedict XVI's repeated invitations to unite environmental ecology with human ecology.

Cosentino told ZENIT that the various addresses delivered by the speakers were well received.

The speaker on the theological dimension was Simone Morandini, who, with great clarity and many references, called for a correct reading of the theology of creation. This theology, the professor explained, requires the implementation of long-term policies for the defense of the environment.

The biblical dimension was addressed by Stipe Juric, OP, who recalled that the Old and New Testaments narrate, with thought-provoking poetic images, the greatness of God and man, created in his image and likeness, called to eternity. He noted that man's life is like a pendulum that oscillates between egoism and the call to the divine.

The bioethical perspective was presented by Francesco Compagnoni,OP, who warned about the risks of making nature an absolute value or of dominating it without respect.

He proposed an integral ecology that values nature, gifted with its own ontological consistency, of value in itself because it was created by God. In this model, the professor said, man, the guardian of nature, transcends it in the hierarchy of values.

God's love

In reference to the Trinitarian dimension, Marco Salvati, OP explained that reality does not originate in chance, but rather in the love of the Trinity, the sole principle of creation.

Nature is the scene of the history of salvation, he said, in which man should express the love of the Trinity and help the whole of creation to return to the Father.

The demographic point of view was addressed by Riccardo Cascioli, who clarified some prejudices propagated to promote an anti-birth policy.

He spoke about the link between resources and development, explaining that resources must not be considered a fixed pie to be divided among many, but rather a means that also depends on man's creativity. Man, Cascioli pointed out, is not only a consumer but also a producer, though he must be careful not to waste what he has.

He noted that the present demographic decline, as Caritas in Veritate explains, is the cause and not the effect of the economic crisis.

The ecological perspective was presented by Antonio Gaspari, who said that the environmental question represents the social question of the third millennium.

This question calls for attentive vigilance given the spread of a growing eugenic mentality against man, to the point that abortion is the first cause of death in Europe, he noted.

The economic undertaking and human resources oriented to not letting children be born, instead of helping them to live, spreads the idea that man is a "cancer" and not a resource of the planet, said Gaspari.

Economy

The economic dimension was addressed by Cristiano Colombi, who illustrated the link between the irresponsible use of natural resources and social injustice. He posited that the lack of public control over vital natural resources such as water, for example in Chile, was the cause of notable environmental and social problems.

The philosophical and moral point of view was given by Paolo Nepi. He explained how the myths of Prometheus and Epimetheus, Daedalus and Icarus, and the magician's apprentice, have a lesson for today. He stressed the need to reflect on strategies for developing a science and technology that serves mankind.

The magisterial and pedagogic perspective was addressed by Cosentino, who applied Church teaching to education.

She underlined the need to help adolescents and youth understand the precious value of man, collaborator of God, and to move from the "ecological question" to the "anthropological question."

Cosentino, explained that this course she helped direct covered "an innovative up-to-date topic."

She added that the course was "an invitation to a correct 'ecological conversion,' with the assumption of sober lifestyles of solidarity that, respecting human ecology, also bring benefits to environmental ecology."

(©ZENIT - 11 February 2010)

Snow in Rome!/Neve a Roma!




The last time it snowed in Rome and stayed on the ground was in 1985! It is our welcome to the students from Minnesota, USA!

Welcome!



The Angelicum welcomes the University of St. Thomas' Catholic Studies in Rome Program class for the Spring Semester 2010.

Click here to meet them and for their on-line journal!

Thursday, February 11, 2010

A vent'anni dalla morte del grande teologo domenicano Marie-Dominique Chenu


Padre Chenu e il medioevo di Tommaso
di Inos Biffi

Marie-Dominique Chenu, OP (1895-1990): "Uno dei principali medievisti del suo tempo", secondo la definizione di Louis-Jacques Bataillon, il presidente della Commissione Leonina, da poco scomparso. Noi possiamo aggiungere: il principale storico della teologia medievale scolastica dei secoli xii e xiii e lo studioso più innovatore del "Tommaso della storia", ossia di un Tommaso che non è - come annotava Yves Congar - "senza padre, senza madre, senza genealogia", ma trova la sua identità e originalità nella cultura del suo tempo. E, infatti, le ricerche di padre Chenu sulla teologia medievale, e in particolare su Tommaso d'Aquino, si mossero esattamente nella convinzione di un inscindibile rapporto tra la figura della teologia e le "congiunture" - come egli le chiamava, forse un poco abusando del termine - nelle quali essa nasceva e si elaborava. "Il medievismo di Chenu - lo rileva ancora padre Bataillon - è quello di un uomo visceralmente teologo, di un teologo che ha compreso, contro la maggior parte dei tomisti del tempo, che non si può cogliere una dottrina, per alta che sia, nella sua vitalità propria, se non la si colloca nel contesto in cui è nata".

Ricordiamo le tappe principali della sua vita: nato a Soisy-sur-Seine il 6 gennaio 1895, nel 1913 entra dai Domenicani, a Le Saulchoir, presso Tournai (Kain-La-Tombe), attratto dalla "vita domenicana come tale", e dall'"ideale evangelico" che fu proprio dei Mendicanti. Dal 1914 al 1920 Chenu compie i suoi studi a Roma, all'Angelicum, e sotto la guida del padre Réginald Garrigou-Lagrange (1877-1964) redige la tesi di lettorato dal titolo De contemplatione, che il relatore giudica ottima, con la nota che il suo autore rivela una "profonda conoscenza della dottrina di san Tommaso sulla natura della contemplazione", anche se non manca il significativo invito "a non allargare storicamente la ricerca". Chenu dirà: "Non tanto amavo la storia come un mestiere, ma sentivo che la Parola di Dio è nella storia, e che entrare nella storia è un mezzo per raggiungere la Parola di Dio. Ora questo modo di pensare, a Roma, era considerato come sospetto di razionalismo".

Egli riconoscerà d'avere sentito il fascino di Garrigou-Lagrange, d'avere ricevuto da lui "il fecondissimo capitale di una grande teologia della fede", ma non accoglierà l'invito del relatore, che lo aveva caro, a restare all'Angelicum come suo collaboratore: cosa che "il Padre - affermava Chenu - non mi ha perdonato". Preferì tornare a Le Saulchoir, un "laboratorio di ricerca", dove si troverà "come un pesce nell'acqua" - affermerà: "È là che io sono nato" -, incominciando a insegnarvi "storia delle dottrine" (non "storia dei dogmi"), e dove si svolse la sua fervida attività di ricercatore e di scrittore.

Il 1937 segna una data importante nella vita di padre Chenu. È l'anno della pubblicazione di una plaquette dal titolo Une école de théologie. Le Saulchoir, in cui esponeva - come egli afferma - "le nostre idee sul metodo storico". L'opuscolo suscita inquietudini a Roma, e particolarmente all'Angelicum e in Garrigou-Lagrange, e viene ritirato dalla circolazione. La reazione giunge al culmine con la messa all'Indice, il 4 febbraio 1942, del petit livre di Chenu, che subito si sottomette, senza nascondere l'amarezza che lo tocca - come scrive a Gilson - "fin nel profondo del cuore". Le accuse erano che deprezzava il valore della ragione teologica in teologia, discreditava la Scolastica e il suo carattere speculativo e quindi diminuiva il suo carattere scientifico: accuse sostanzialmente infondate.

Sulla vicenda padre Chenu è tornato più volte. Egli - tra l'altro - dichiarò di averne appreso per radio la notizia. Dopo la condanna del 1942, Chenu lascia la reggenza e l'insegnamento di Le Saulchoir, ed è assegnato al convento parigino di Saint-Jacques, dal quale è allontanato nel febbraio del 1954, per l'"esilio" di Rouen, a motivo della sua implicazione nella questione dei preti operai. Torna a Parigi definitivamente nel giugno 1962.

Dal settembre al dicembre 1962 prende parte al concilio come teologo del vescovo di Antsirabé (Madagascar). Particolarmente la Gaudium et spes risente dell'influsso della teologia della incarnazione, della creazione, della praxis, della storia, di Chenu. Gli anni dal 1966 al 1990 sono trascorsi nel convento di Saint-Jacques, a Parigi, distinti sempre dalla vivacità mentale e dalla fraterna disponibilità. Secondo la testimonianza di Congar: "Il Padre Chenu è rimasto se stesso, meravigliosamente libero, vivo, risvegliatore di idee, aperto all'amicizia e fraterno, attraverso le prove che non gli sono state risparmiate". Muore l'11 febbraio 1990 e i suoi funerali sono tenuti a Notre Dame.

Più volte Chenu ha illustrato il senso e il fondamento dell'applicazione de la méthode historique allo studio della teologia medievale e in particolare: "La rivelazione - egli scriveva - si inserisce nel tempo" e "la teologia non è che la fede solidale col tempo". Ora, "a Le Saulchoir decidemmo, intorno agli anni 1920-1930, di studiare l'opera di san Tommaso d'Aquino in base alle possibilità - tecniche e spirituali - del metodo storico", d'altronde come padre Lagrange lo applicava alla Scrittura e padre Pierre-Marie Mandonnet (1858-1936) alla storia. Nacquero, su queste premesse, le grandi opere di argomento medievale di Chenu o i suoi saggi, che portano sempre l'impronta inconfondibile della sua chiarezza espressiva, dell'esuberanza del suo stile, della perspicuità e finezza del suo giudizio.

Ricordiamo: La théologie comme science au xiii siècle, nata come corso di introduzione alla teologia sulla base della prima questione della Summa Theologiae, studiata storicamente e non soltanto quale elaborazione speculativa; l'Introduction à l'étude de saint Thomas d'Aquin, frutto dell'insegnamento tenuto dal 1930 al 1950 in cui san Tommaso è colto nella sua "relazione con il contesto culturale vivo in cui era sorto e in cui si erano determinate le sue opzioni e scelte dottrinali": "Veder nascere e lavorare un maestro in teologia - osservava Chenu - è un grande spettacolo", precisando: "Inutile aggiungere che questa coerenza non comporta affatto il relativismo che la maldestrezza degli uni o degli altri ne hanno talora dedotto. Per il fatto di essere iscritta nel tempo, la verità non è meno vera".

Ecco, poi, La théologie au douzième siècle: "un livre perpétuel" (Alain Boureau), "uno dei più bei libri e forse il più bel libro sul medioevo" (Sofia Vanni Rovighi). Lo compongono diversi saggi raccolti su sollecitazione di Étienne Gilson, che a sua volta lo definisce "un'opera veramente nuova", in cui è messo in luce "il tessuto mentale e culturale", o la "mentalità" operante nel secolo XII.

Difficilmente si legge questo meraviglioso libro senza gustarlo e senza essere iniziati allo spirito e alla qualità degli studi di Chenu, e alla intelligenza interiore del medioevo.

Possiamo anche ricordare tre finissimi volumetti: St. Thomas d'Aquin et la théologie: un gioiello, del quale ancora la Sofia Vanni Rovighi diceva: "Pochi libri giovano quanto questo a far capire il pensiero di san Tommaso"; La théologie est-elle une science?: un profilo penetrante e vivace della figura della teologia e sul senso della sua "scientificità". L'éveil de la coscience dans la civilisation médiévale, che mostra brillantemente il sorgere e l'imporsi, nel loro contesto storico, della consapevolezza e della dignità del soggetto, o il risvegliarsi della coscienza come tratto caratteristico della civiltà dei secoli xii-xiii.

Lo Chenu che resiste e resisterà al tempo sarà indubbiamente lo Chenu medievista, che, pur con i limiti e le critiche che non hanno mancato di essere segnalati, ha impresso una svolta nel metodo e nei risultati degli studi sulla teologia e più in generale sulla cultura medievale. Meno invece - mi sembra - hanno resistito e resisteranno gli scritti venuti dalla fervida sensibilità di Chenu ai cosiddetti "segni dei tempi".

Étienne Gilson, che nel 1967 aveva manifestato tutto il suo disagio postconciliare ne Les tribulations de Sophie, in quegli anni scriveva a Chenu con parole molto crude: "Non posso impedirmi di pensare che, del prete che borbotta oggi parole vaghe, e di me che credo ancora che Hoc est corpus meum, io sono probabilmente il solo nel cui cuore sia presente la fede in una pura e semplice Transustanziazione". E, ancora: "Non comprendo più nulla di quello che avviene nella Chiesa. Il nostro amico P. Congar mi pare balbetti davanti a un muro e non sono neppure sicuro di capire tutto quello che voi stesso dite. Mi ricordo solo di aver profetizzato, come l'Asina di Balaam, a mons. Montini quello che stava per capitare nei vostri riguardi: "Voi volete impedirgli di fare ciò che sa fare e fa mirabilmente" - gli ho detto in Vaticano - prima che fosse Paolo VI; "Così come io lo conosco, sono sicuro che egli farà un'altra cosa in cui forse non troveremo solo dei motivi di consenso"".

Chi scrive ebbe la felice ventura di lavorare sotto la guida di padre Chenu alla tesi I misteri della vita di Cristo in Tommaso d'Aquino: "Un tema molto opportuno e molto fecondo - mi scriveva il 19 dicembre 1959 - per entrare nella conoscenza della teologia medievale". Da quell'occasione nacque con lui un'affettuosa amicizia, che durerà dal 1959 alla vigilia della morte, e sarà alimentata da incontri al convento domenicano di Saint-Jacques di Parigi, mostrandosi preziosa soprattutto per l'incoraggiamento e per il sostegno alle diverse ricerche che avrei condotto sia su san Tommaso, sia sui teologi scolastici del secolo XIII, in cui sono proseguiti gli stessi studi di Chenu sulla teologia come scienza.

Ma quell'amicizia ebbe altri frutti, come: un lungo epistolario accuratamente conservato, il dono di una gran quantità di suoi manoscritti e una collaborazione, che trovò forma e spazio nella Biblioteca di Cultura Medievale presso l'editrice Jaca Book. In tale Biblioteca apparvero diverse opere di Chenu - Il risveglio della coscienza nella civiltà medievale; La teologia come scienza nel XIII secolo; La teologia nel XII secolo (e prossimamente l'Introduzione allo studio di san Tommaso d'Aquino) - precedute da sue prefazioni. Né sono mancati contributi appositamente redatti per il pubblico italiano.

Passando tra le mani di Chenu, gli antichi testi, sia di Tommaso sia di altri autori medievali, si ravvivavano e diventavano irresistibilmente attraenti, mostrando quanto nel medioevo la ragione abbia criticamente pensato la fede e quanto la fede abbia promosso e liberato la ragione. Per ciò Chenu resta ancora un grande maestro.

(©L'Osservatore Romano - 11 febbraio 2010)

Wednesday, February 10, 2010

Lenten reflections on-line


Join the Bishops from Australia as we journey towards Easter.

Commences 15 February 2010

REFLECTION

Image from the stations of the cross at St. Francis of Assisi Church in Sacramento, CA.

Thursday, February 4, 2010

Anno Karol Wojtyla


La Pontificia Università San Tommaso d'Aquino "Angelicum" ha il piacere di invitare la S.V. all'incontro che si terrà presso l'Aula Minor febbraio 22, 2010 alle ore 15,00 dal tema "Giovanni Paolo II e il Concilio Vaticano II"

Interve il Vicepresidente della Camera dei Deputati, Rocco Buttiglione


Sito della sua biografia

Wednesday, February 3, 2010

At General Audience Holy Father speaks of St. Dominic, Founder of the Dominicans


Dear Brothers and Sisters,
Today I wish to speak of the great contribution made by Saint Dominic to the renewal of the Church in the Middle Ages. As a priest of the Spanish diocese of Osma, he was sent on missions throughout Europe, which drew his attention to the need for sound and zealous preachers to bring the Gospel to the people. He was entrusted with the task of refuting the heresy of the Albigensians, who denied the incarnation of Christ, the resurrection of the body and the value of marriage and the sacraments. Embracing a life of poverty, Dominic dedicated himself to the task of preaching the Gospel, and with a band of followers he established the Order of Preachers, also known as Dominican Friars. Adapting the rule of Saint Augustine to the needs of the apostolic life, Dominic placed emphasis on theological study, prayer and community life for his friars. Thus fortified, they would be sent out on missions as itinerant, mendicant preachers. Hence the Dominican motto, contemplata aliis tradere – to hand on to others the fruits of contemplation. One important way in which the Dominicans did this was by promoting the prayer of the rosary, a beautiful means of contemplating, through the eyes of Mary, the truth revealed in the mysteries of the life, death and Resurrection of her son.

Liebe Brüder und Schwestern!
Am vergangenen Mittwoch habe ich über den heiligen Franziskus gesprochen, und heute will ich die Katechese einem seiner Zeitgenossen widmen, der gleichfalls einen wichtigen Beitrag zur Erneuerung der Kirche im 13. Jahrhundert geleistet hat. Es ist der heilige Dominikus, der Gründer des Prediger- oder Dominikanerordens. Wie sein Biograph Jordan von Sachsen berichtet, zeichnete sich dieser Heilige dadurch aus, daß er immer nur mit Gott oder von Gott sprach. Seine Liebe und Verehrung galt Christus, und diese Liebe öffnete ihm das Herz für seine Mitmenschen und für alles, was sie brauchen, besonders für das Heil ihrer Seelen. Dominikus entstammte einer angesehenen kastilianischen Familie und wurde um 1170 in Caleruega geboren. Nach dem Studium an der Domschule in Palencia wurde er mit 25 Jahren Kanoniker am Domstift zu Osma. Auf verschiedenen Reisen mit seinem Bischof begegnete er den Albigensern, einer asketischen Gemeinschaft, die den Ausschweifungen ihrer Zeit, besonders auch des Klerus, ein Leben in Armut und Entsagung gegenüberstellten. Sie beriefen sich dabei allerdings auf ein stark dualistisches Weltbild, nach dem die Materie ganz und gar schlecht war und nur das Geistige zählte. Dominikus setzte dieser Irrlehre die Wahrheit des Evangeliums entgegen, die in der Liebe zu den Mitmenschen konkreten Ausdruck findet. Viele schlossen sich Dominikus an, der in der Nachfolge der Apostel wandernd umherzog und von Almosen lebte. Im eifrigen Studium der Heiligen Schrift sah er die Grundlage für sein Apostolat. Er wollte die Schönheit der Wahrheit, die von Gott kommt, immer neu betrachten und das Betrachtete den Menschen vermitteln. Damit das Apostolat gelingt, baute er zudem auf zwei unverzichtbare Säulen: die tiefe Liebe zur Muttergottes und das Gebet füreinander. Auf diese Weise haben die geistigen Söhne und Töchter des heiligen Dominikus den Glauben in Europa erneuert und ihn als Missionare in die fernsten Länder der Erde gebracht.

RADIO VATICANA: Comunicazione Servizio Documentazione, 2010.

click HERE for full text
clicca QUI per andare al sito

Click here for VIDEO

Tuesday, February 2, 2010

Oratio S. Thomae Aquinatis ante studium


CREATOR ineffabilis, qui de thesauris sapientiae tuae tres Angelorum hierarchias designasti et eas super caelum empyreum miro ordine collocasti atque universi partes elegantissime distribuisti: Tu, inquam, qui verus fons luminis et sapientiae diceris ac supereminens principium, infundere digneris super intellectus mei tenebras tuae radium claritatis, duplices, in quibus natus sum, a me removens tenebras, peccatum scilicet et ignorantiam. Tu, qui linguas infantium facis disertas, linguam meam erudias atque in labiis meis gratiam tuae benedictionis infundas. Da mihi intelligendi acumen, retinendi capacitatem, addiscendi modum et facilitatem, interpretandi subtilitatem, loquendi gratiam copiosam. Ingressum instruas, progressum dirigas, egressum compleas. Tu, qui es verus Deus et homo, qui vivis et regnas in saecula saeculorum. Amen.

From the Raccolta #764, Pius XI Studiorum Ducem, 1923.

Lumen ad revelationem gentium


Nunc dimittis servum tuum in Domine, secundum verbum tuum in pace.

Quia viderunt oculi mei salutare tuum

Quod parasti ante faciem omnium populorum.

Lumen ad revelationem gentium, et gloriam plebis tuae Israel.

Gloria patri, et filii, et spiritui sancti,

sicut erat in principio, et nunc et semper et in saecula saeculorum. Amen.

Monday, February 1, 2010

Prayer Guide for Exams!


Preparing for, and taking your final exams can be a cause for great concern and stress! This link to this little booklet of prayers can be a useful guide to remind you that you are not alone as you prepare and take your exams.

May God bless you richly as you prepare, and take, your examinations!

Examination Prayer Booklet

(Very) Rev. Prof. Dr. Alejandro Crosthwaite, OP

Vice-Rector - Public Relation Office
Faculty of Social Sciences