Wednesday, March 24, 2010

Mass to mark anniversary of Angelicum's most distinguished alumnus


Benedict XVI will preside next week at a Mass marking the fifth anniversary of the death of Pope John Paul II who studied at the Angelicum in the 1940s.

The Mass will be held March 29, 2010 instead of the actual date of the Pope's death, the Vatican reported, because April 2 falls on Good Friday.

During the prayers of the faithful, this petition will be offered in Polish: "For the Venerable Pope John Paul II, who served the Church to the limit of his strength: So that from heaven he intercedes to spread the hope that is realized by fully participating in the glory of the resurrection."

A petition in Spanish will pray for "those here united to remember Pope John Paul II: So that we know to love and serve the Church as he loved and served, giving testimony in the faith of God and offering his love to all."

Sunday, March 21, 2010

Karol Wojtyla Discussion Group


NEXT SESSION for KAROL WOJTYLA DISCUSSION GROUP will be Monday 22 March 2010 at 12:40 p.m. in Aula 11.

Website: https://sites.google.com/site/karolwojtylagroupangelicum

Lenten Reflection by the Australian Bishops- Fifth Sunday of Lent




Join the Bishops from Australia as we journey towards Easter by clicking here and watching Reflection 5.

Stations of the Cross from St. Francis of Assisi Church in Sacramento, CA.
Photographs copyrighted to J.D. Warrick

Saturday, March 20, 2010

IN MEMORIAM MARTYRUM


Se il chicco di grano non muore...

Tre giorni di preghiera e riflessione sulla passione di Cristo e della Chiesa a cura di "Aiuto alla Chiesa che Soffre"

19-20-21 marzo 2010 Aula Paolo VI Pontificia Università Lateranense

Sarà questa la seconda Edizione di un evento religioso e culturale che sollecita la riflessione e il confronto su un tema di grande attualità internazionale, anche in queste settimane: la persecuzione e il martirio dei credenti in Cristo, con una particolare attenzione durante questo che la Chiesa ha proclamato "Anno Sacerdotale", alla testimonianza dei sacerdoti che - in particolare nei Paesi laddove il diritto alla libertà religiosa è violato o negato - sono fondamentale punto di riferimento non soltanto per i credenti, ma per l'intera società.

Momento saliente della tre giorni sarà la Conferenza «Il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani», in programma sabato 20 marzo 2010 alle ore 16:00 (nell'Aula Paolo VI della Pontificia Università Lateranense) alla quale interverranno S.E. Monsignor Joseph Coutts - vescovo di Faisalabad (Pakistan), Jesús Colina - direttore dell'Agenzia «Zenit» e monsignor Philip Najim - procuratore della Chiesa caldea presso la Santa Sede ; l'incontro sarà preceduto dal saluto introduttivo di S.E. Monsignor Rino Fisichella - Rettore Magnifico della Pontificia Università Lateranense e sarà moderato da monsignor Sante Babolin - Presidente Sezione Italiana “Aiuto alla Chiesa che Soffre”.

Da segnalare anche la proiezione del film "Popieluszko" prevista alle ore 16:00 di domenica 21 marzo, 2010, nell'Aula Paolo VI della Pontificia Università Lateranense.

ACS sostiene concretamente la Chiesa perseguitata realizzando progetti di sostegno alle comunità cattoliche locali, interamente finanziati da donazioni di benefattori; alle opere concrete si aggiunge un'attività di informazione attraverso l'annuale "Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo” che ACS pubblica dal 1998.

Sito-web

Thursday, March 18, 2010

ALIM QASIMOV performs MUGHAM at the Angelicum




The Embassy of the Republic of Azerbaijan to the Holy See in close collaboration with the Pontifical Council for Culture of the Holy See and the Pontifical University of St. Thomas Aquinas have the pleasure of inviting you to the performance of the renowned Azerbaijani singer, UNESCO Prize winner ALIM QASIMOV who will perform with his group of 3-4 people.

They will perform pieces of traditional Azerbaijani folklore music called mugham or mugam, which is a type of Azerbaijani spiritual music of Oriental nature. In 2003 UNESCO recognized mugam as a Masterpiece of Oral and Intangible Cultural Heritage of Humanity.

The concert will take place Thursday 15 April 2010 at 19,00-21,00 in the Aula Magna.

Here is the link to read more about Azerbaijani Mugham.
This is another link with regard to the performer Alim Qasimov:

Sunday, March 14, 2010

Lenten Reflection by the Australian Bishops- Fourth Sunday of Lent




Join the Bishops from Australia as we journey towards Easter by clicking here and watching Reflection 4.

Stations of the Cross from St. Francis of Assisi Church in Sacramento, CA.
Photographs copyrighted to J.D. Warrick

Friday, March 12, 2010

Eucharistic Procession at the Angelicum.


Archbishop Piero Marini, president of the Pontifical Committee for International Eucharistic Congresses, will be the celebrant at the annual Eucharistic Procession at the Angelicum.

Archbishop Marini served as the Master of Ceremonies for papal liturgies from 1998-2007.

The procession will be held Tuesday, 4 May, 2010, at 1:00pm.

Please save the date and plan to participate!

Thursday, March 11, 2010

Karol Wojtyla Discussion Group


The Inviolable Dignity of Procreation: a ‘Personal’ or ‘Natural’ Good?

Using artificial birth control or other forms of contraception
just seems like part of the "natural" common sense of our day.
Why does the Church disagree? Is this particular teaching an
outdated relic of the past, or are there actually good reasons
for the Church’s prohibition of contraception?

Does contraception help the natural good of persons or destroy it?

In "Love and Responsibility" John Paul II answers these questions.
Come and hear the presentation.
You are also welcome to join in the discussion that follows.

with Connor Sweeney

NEXT KAROL WOJTYLA DISCUSSION GROUP
WILL BE 15 MARCH 2010 AT 12:40 IN AULA 11

(refreshments will be served)

Discussion group website

Tuesday, March 9, 2010

Eucharistic adoration at the Angelicum



On class days(Monday-Friday) from 8:00am-6:20pm Eucharistic Adoration takes place in the Blessed Sacrament Chapel near the entrance of the Choir at the Angelicum. Students can sign up to be "Eucharistic Guardians" for an hour giving them the opportunity to pray for a series of intentions administration, faculty, staff and students post in the intention sheet. This is organized by the University chaplaincy and the students themselves following the Dominican tradition of the Eucharist being at the center of our lives.

Monday, March 8, 2010

Official World Youth Day Pilgrim Cross visits the Angelicum




25th World Youth Day Celebration

In preparation for this major event with the Holy Father, the Official World Youth Day Pilgrim Cross will be at the Angelicum from 7-9 March in the university's adoration chapel

The visit of the WYD Cross will prepare us and join us with all the Youth/University Students of Rome on Thursday 25 March 2010 in St. Peter's Square in the Vatican at 7:00PM when Pope Benedict XVI will meet the Youth.

(TICKETS WILL BE MADE AVAILABLE FOR THIS EVENT FOR ALL ANGELICUM STUDENTS - WATCH FOR ANNOUNCEMENTS)

*Tickets will be available also for Palm Sunday Papal Mass (28 March, 2010, St. Peter's Square in the Vatican, 9:30AM)

XXV Giornata Mondiale della Gioventù


Per la preparazione di questo grande evento con il Santo Padre la Croce Ufficiale della Giornata Mondiale Gioventù ci sarà all'Angelicum 7-9 marzo nella capella d'adorazione dell'università

La visita della GMG Croce ci prepara e di unirci con tutti i giovani / universitari di Roma il Giovedi 25 Marzo 2010 in Piazza San Pietro in Vaticano a 19:00, quando Papa Benedict XVI incontrerà i giovani

(I biglietti saranno disponibili per questo evento per tutti gli STUDENTI dell'ANGELICUM - Sta attento ad annunci riguardanti questo evento)
!)

*I biglietti saranno disponibili anche per la Domenica delle Palme 28 Marzo 2010, Piazza San Pietro in Vaticano, ore 9.30 - S. Messa con il Papa

Quaestio su San Tommaso prevista per il prossimo 7 marzo, 2010


"Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato" è questo il titolo della Quaestio organizzata dalla Regione Lazio-Assessorato All'Ambiente e Cooperazione tra i popoli e prevista per domenica 7 marzo, 2010.

L'evento è patrocinato dal Parco Naturale dei Monti Aurunci, dal CREIA, dal Parco Naturale dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi, dall'Associazione ex alunni del Liceo Classico "Piero Gobetti" e dal Circolo Culturale Cattolico "San Tommaso D'Aquino" di Fondi.

Protagonista dell'evento sarà per l'appunto, San Tommaso D'Aquino, filosofo e teologo italiano della scuola scolastica, definito Doctor Angelicus dai suoi contemporanei nonché uno dei principali pilastri teologici della Chiesa cattolica e punto di raccordo fra la cristianità e la filosofia classica.

La Quaestio si terrà presso l'auditorium comunale "San Domenico" sito in via Cavour, a partire dalle ore 17,30.

Il programma prevede la partecipazione di relatori d'alto calibro come il professor Francesco Compagnoni,OP docente di Teologia morale Pontificia dell'Università "San Tommaso" di Roma e il professor Orlando Todisco, docente di Filosofia Pontificia della Facoltà "S. Bonaventura" di Roma.

Nel corso dell'evento, dopo la Quaestio, alle ore 19,30, verrà messo in scena uno spettacolo teatrale dal titolo “La vita angelica” - Storia di San Tommaso. La rappresentazione è curata dal Teatro Potlach per la regia di Pino di Buduo.

Tutta la cittadinanza è ovviamente invitata a partecipare: l'appuntamento, lo ricordiamo, è all'Auditorium San Domenico di Fondi, domenica prossima 7 marzo,2010 ore 17,30.

Sunday, March 7, 2010

Lenten Reflection by the Australian Bishops- Third Sunday of Lent




Join the Bishops from Australia as we journey towards Easter by clicking here and watching Reflection 4.

Stations of the Cross from St. Francis of Assisi Church in Sacramento, CA.
Photographs copyrighted to J.D. Warrick

Friday, March 5, 2010

Umanesimo simbolico di san Tommaso d'Aquino: L'ottimismo dell'imperfezione


Il 5 marzo, 2010 il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, Mons. Gianfranco Ravasi, riceve ad Aquino il premio internazionale "Tommaso d'Aquino Veritas et amor" organizzato dal Circolo San Tommaso. Anticipiamo il testo del discorso dell'arcivescovo.


Nel prologo della Prima secundae del suo capolavoro teologico, san Tommaso d'Aquino propone questa dichiarazione programmatica: "Ci interesseremo dell'uomo in quanto egli è il principio del suo operare, essendo dotato di libero arbitrio e quindi della sovranità delle proprie azioni". Al centro della sua investigazione, espressa in quella sorta di oceano testuale che sono gli scritti del Dottore Angelico, brilla senz'altro la figura di Dio perché quella di Tommaso è pur sempre una teologia e non una pura e semplice speculazione filosofica sistematica; ma la luce che emana da quel centro irradia la prima delle sue creature per eccellenza e dignità, cioè l'uomo.

L'umanesimo di Tommaso è, perciò, squisitamente teologico e cristiano, eppure si articola tenendo conto anche del contributo della natura umana, della razionalità, una delle ali per il volo nell'orizzonte dell'essere. Un intreccio, quindi, sapiente tra fede e ragione. Egli è, certo, cosciente della fragilità della nostra conoscenza perché noi "imperfettamente conosciamo e imperfettamente amiamo" (Summa theologiae, i-ii, 68, 2).

Nel proemio all'Expositio in Symbolum - con una metafora divenuta celebre - egli riconosce che "la nostra conoscenza è talmente debole che nessun filosofo ha mai potuto investigare in modo esaustivo la natura di una singola mosca". È la consapevolezza della nostra creaturalità che impedisce l'hybris di un umanesimo immanentista e autosufficiente: "Come gli occhi della nottola sono abbagliati dalla luce del sole che non riescono a vedere, ma vedono bene le cose poco illuminate, così si comporta l'intelletto umano di fronte ai primi principi che sono tra tutte le cose, per natura, le più manifeste" (In metaphysicam, ii, 1, 10).

Questo senso del limite esorcizza, dunque, nel pensiero di Tommaso la deriva in un umanesimo razionalistico e autoreferenziale (sia pure "teologico" alla maniera hegeliana), ma esclude anche la caduta nel gorgo oscuro di un umanesimo esistenzialistico pessimistico alla Sartre o in un umanesimo soggettivistico, rinchiuso nel baluardo di un "io" solipsistico, incapace di uscire nel dialogo varcando la porta della sua torre d'avorio.

C'è, invece, in Tommaso d'Aquino un ottimismo di fondo davanti all'essere, alla creazione e alle capacità conoscitive dell'uomo, per usare un'idea di un suo grande ammiratore, lo scrittore inglese Gilbert Keith Chesterton nel suo saggio St. Thomas Aquinas (1933). Infatti, alla creatura umana è riconosciuta la possibilità di raggiungere la verità sia pure non nella sua pienezza esaustiva.

Con la ragione essa può approdare almeno alla spiaggia di mondi tematici immensi come l'esistenza di Dio, la creazione dell'universo, la spiritualità dell'anima. Inoltre, c'è nell'uomo una potenza etica positiva, anche se non assoluta; la creazione è dotata di ordine e bellezza così da poter condividere l'asserto del libro biblico della Sapienza secondo il quale "dalla grandezza e bellezza delle creature per analogia si contempla il loro autore" (13, 5), asserto ripreso da san Paolo, convinto che le divine "perfezioni invisibili, ossia la sua eterna potenza e divinità, vengono contemplate e comprese dalla creazione del mondo attraverso le opere da lui compiute" (Romani, 1, 20).

Per questo, lo stesso Chesterton suggeriva di assegnare al Dottore Angelico il titolo di san Tommaso del Creatore, così come si avrà san Giovanni della Croce e così come ci sarà santa Elisabetta della Trinità e ci sono le "Suore dello Spirito Santo".

In questa luce è da marcare anche la famosa tesi tomista dell'intima e sostanziale unione tra anima e corpo, esaltata sulla scia di Aristotele, ma con un'impronta profondamente cristiana e biblica, consapevoli come siamo dell'unità psicofisica celebrata nelle Sacre Scritture contro ogni antitesi di matrice dualistica.

Il corpo cessa, allora, di essere prigione o tomba dell'anima, ma è la materia necessaria di cui l'anima è forma in un nesso inscindibile, è la potenza di cui l'anima è atto, è la carne che è vivificata dallo spirito. Le alte espressioni della persona come l'amore, l'arte, la stessa preghiera si svolgono attraverso la corporeità che è, così, epifania dell'intera grandezza della creatura umana.

Si ha in tal modo un umanesimo veramente personalistico che, prescindendo dalle appartenenze alle diverse etnie, culture o società, assegna alla persona in quanto tale una radicale dignità e nobiltà: "La persona è quanto di più perfetto esista in tutta la natura" (Summa theologiae, i, 28, 3). A differenza di Averroè e di altri commentatori di Aristotele che concepivano l'intelletto come una sostanza separata, destinata a trasmettere le idee alle singole anime, Tommaso afferma che l'intelletto, essendo strutturale alla natura umana, è una facoltà personale che ogni uomo e donna posseggono ed esercitano in proprio.

In sintesi possiamo dire che nel pensiero dell'Aquinate si ha una piena conferma dell'interrogativo biblico colmo di ammirazione per la grandezza di questa che rimane pur sempre una creatura limitata ma dotata di gloria: "Che cos'è mai l'uomo perché di lui ti ricordi, il figlio dell'uomo, perché te ne curi? Davvero l'hai fatto poco meno di un dio, di gloria e di onore lo hai coronato!" (salmo 8, 5-6).

Certo, ripetiamo che questo umanesimo è monco e incompleto se non riconosce l'ordine della grazia. Nel De veritate il Dottore Angelico afferma: "Tu non possiedi la Verità, ma è la Verità che possiede te". La Verità ci precede e ci eccede, ci è svelata e rivelata e in essa noi ci inoltriamo, di luce in luce, attraverso la nostra ragione. Come scriveva Adorno nei Minima moralia, "la verità è come la felicità: non la si "ha", ci si "è"", o come aveva già dichiarato Robert Musil nell'Uomo senza qualità, "la verità non è una gemma da mettere in tasca, è un mare infinito in cui ci si immerge".

La trascendenza è necessaria non solo per la verità, ma anche e soprattutto per la redenzione e la salvezza ed è, quindi, fondamentale per una corretta concezione umana. La grazia non cancella la libertà, ma la porta a pienezza, la soprannatura non elide la natura ma la trasfigura, la Verità divina non si oppone alla verità umana ma la unisce a sé, conducendola a pienezza, l'immagine divina nell'uomo e nella donna (Genesi, 1, 27) non elimina l'identità creaturale coi suoi limiti e il suo peccato, ma ne rivela la grandezza.

Quello di Tommaso è, perciò, un vero umanesimo "simbolico" e integrale che permette di concludere che "il modo di esistere che comporta la persona umana è il più degno di tutti" (De potentia, 9, 4).

Vorremmo porre qui, a suggello di questa minima antropologia tomistica da noi ritagliata all'interno di un immenso orizzonte ideale, la voce stessa dell'Aquinate al quale, tra l'altro, mi unisce un particolare legame personale, avendo per anni custodito, come prefetto della Biblioteca Ambrosiana di Milano, un importante anche se parziale autografo della Summa contra gentiles (ii, 42-44, segnatura S.P. 38), proveniente dal convento dei domenicani di Bergamo e donato al cardinale Federico Borromeo dal provinciale di Lombardia dei frati predicatori, Paolo da Garessio.

Lo facciamo attraverso alcuni brevi frammenti testuali che possono diventare un appello rivolto alla nostra ricerca: "Tra gli impegni a cui si possa dedicare un uomo nessuno è più perfetto, più sublime, più fruttuoso e più dolce della ricerca della Sapienza... Il sapiente onora l'intelletto perché, tra le realtà umane, è quella a cui Dio riserva l'amore più intenso". Dobbiamo, tuttavia, invocare Dio perché "penetri le tenebre del nostro intelletto con un raggio della sua luce, allontanando da noi le doppie tenebre in mezzo alle quali siamo nati, quelle del peccato e dell'ignoranza". E di ogni nostro pensare e agire Dio "ispiri l'inizio, guidi il progresso e coroni la fine".

Gianfranco Ravasi



(©L'Osservatore Romano - 5 marzo 2010)

Wednesday, March 3, 2010

Karol Wojtyla Discussion Group



The Gospel(s) of the Lord(s): Theology, Culture and the Evangelisation
of the Body


Are we aware of what our culture is doing to us, how it is doing it,
or what we can do in the face of it? Today we look at how we inhabit
our culture and how our culture acts on us as a type of evangelisation
that counteracts the Christian Gospel, very often without our knowing
it. What then can bearers of the Christian Gospel do? Do we need an
expansion of what it means to Evangelise?

NEXT SESSION IS MONDAY 8 MARCH 2010 IN AULA 11 (cloister)

Tuesday, March 2, 2010

Mary & Islam



"Behold! the angels said: 'O Mary! Allah hath chosen thee and purified thee- chosen thee above the women of all nations'"
Koran 3:42

Dr. Mona Siddiqui, professor of Islamic Studies & Public Understanding at the University of Glasgow, U.K. and Director of Centre for the Study of Islam will give a lecture on MARY & ISLAM at 10:30am on Wednesday April 21, 2010 at the Angelicum.

Please check at the University for the classroom.

Monday, March 1, 2010

Studenti dell'Angelicum in solidarietà con i vittime di persecuzione nell'Iraq



Di appelli per il futuro (molto incerto) dei cristiani in Iraq, Papa Benedetto XVI ne aveva fatti tanti in questi anni, ma mai così forti come quello che si è sentito nell'Angelus della II Domenica di Quaresima a san Pietro. «Bisogna ripristinare la sicurezza» ha detto chiaro e tondo, denunciando implicitamente le promesse non mantenute dal governo Maliki che si era impegnato proprio a garantirla.

I nostri studenti Iracheni erano presente in solidarietà, protesta e preghiera.

Click qui per tutto il artico nel Messaggero.