Sunday, May 30, 2010

Oratio S. Thomae Aquinatis ante studium


CREATOR ineffabilis, qui de thesauris sapientiae tuae tres Angelorum hierarchias designasti et eas super caelum empyreum miro ordine collocasti atque universi partes elegantissime distribuisti: Tu, inquam, qui verus fons luminis et sapientiae diceris ac supereminens principium, infundere digneris super intellectus mei tenebras tuae radium claritatis, duplices, in quibus natus sum, a me removens tenebras, peccatum scilicet et ignorantiam. Tu, qui linguas infantium facis disertas, linguam meam erudias atque in labiis meis gratiam tuae benedictionis infundas. Da mihi intelligendi acumen, retinendi capacitatem, addiscendi modum et facilitatem, interpretandi subtilitatem, loquendi gratiam copiosam. Ingressum instruas, progressum dirigas, egressum compleas. Tu, qui es verus Deus et homo, qui vivis et regnas in saecula saeculorum. Amen.

From the Raccolta #764, Pius XI Studiorum Ducem, 1923.

Graduation Evening/Serata di laurea 5/27/2010






Wednesday, May 26, 2010

Project STOQ: Creating dialogue between science and religion around the world


AngelicumSTOQ is incorporated in the licentiate Program of the Faculty of Philosophy of the Pontifical University of Saint Thomas Aquinas in Rome (Angelicum). It is part of the larger organization known as STOQ Project III that has 6 Pontifical Universities in Rome as members. The Project is coordinated by the Vatican's Pontifical Council for Culture and financed by John Templeton Foundation.

"When the Holy See was admitted as a signatory State of the Bologna Declaration in September 2003 the Ecclesiastical Universities and Faculties became part of the Bologna Process which aims at creating a European Higher Education Area. The Bologna Process promotes exchanges of professors and students between European Universities as well as interdisciplinary research. The STOQ project, which our Faculty of Philosophy has adhered to from the beginning, is a good example of such exchanges and interdisciplinary research. The positive sciences are moving ahead at great speed, but scientific methods and achievements need to be seen also from an ethical and faith perspective."

Prof. Joseph Agius, OP,
Ex-Rector of the Angelicum & pro-Dean of the Faculty of Theology

Saturday, May 22, 2010

End of the Academic Year Mass /Messa di fine dell’anno accademico 2010


End of the Academic Year Mass 2010
Friday May 28, 2010 at 11:30am in the University Church

Messa di fine dell’anno accademico 2010
Venerdì maggio 28, 2010 alle ore 11,30 nella Chiesa Universitaria

Prof. Francesco Compagnioni, OP, Presider/Celebrante
Facoltà Scienze Sociali

Friday, May 21, 2010

Bl. Hyacinth M. Cormier (1832-1916)


21 May

A master general of recent times who did much to restore the primitive fervor of the Order was Father Hyacinth M. Cormier. Henry Cormier was born in Orleans on the Feast of the Immaculate Conception in 1832. All his life he treasured the thought that he had been born on Our Lady's day, and therefore he should be especially devoted to her. His father died while he was still a small child, so Henry and his only brother, Eugene, went with their mother to live near his uncle, who was a priest in Orleans. The two boys entered the new preparatory seminary at Orleans. The following year Eugene died, leaving Henry alone and grief stricken.

Henry continued his studies for the priesthood at the major seminary of Orleans, and was ordained in 1856. At this time he fulfilled a desire that had been growing on him for some time; he went to Flavigny, where Father Lacordaire had opened a novitiate of the Order, and begged to be admitted. `He was accepted, a little dubiously as he looked so delicate, and given the name Hyacinth.

When it was time for Brother Hyacinth's profession, the doubt had grown into a certainty; he had had several hemorrhages, and the community, which had already lost some of its most promising members from tuberculosis, was afraid to profess him. The master general, Father Jandel, took him to Rome as secretary and asked the pope for a special dispensation to allow him to make profession. The pope responded that if he went for thirty days without a hemorrhage he could make his vows. Young Brother Hyacinth tried hard once he got as far as 29 days and did not quite make it, but he fell seriously ill and was anointed. In the belief that he was going to die in a few days, he was finally allowed to make his profession. But at this point he recovered, and he served the Order vigorously for fifty years.

In 1865 the old Province of Toulouse was to be re established, and Father Cormier was sent as the first provincial to build up the Order there. His ability for administration was so marked that the pope wanted to make him a cardinal; only the hostility of France towards religious kept him from doing so.

When Father Cormier was elected master general in 1904, it became necessary to replace him in some of the work he had been doing so that he could devote more time to affairs of the Order in general. It was then that his brethren found out what a load he had been carrying. Teaching and writing should have kept him busy; but he also was regular confessor to eight large convents and extraordinary confessor to several more. In spite of all the activity, he spent hours of every day in front of the Blessed Sacrament. He had a universal reputation for the soundness of his spiritual direction.

As master general, Father Cormier turned his attention first to the novices. Many of his writings had been for young people, and he always loved the novices on whom the future of the Order depends. As gentle as a child in his manner, but as inflexible as a Gibraltar in a matter of principle, he quietly demonstrated the policies that he wanted followed in the Order. HE FOUNDED THE PONTIFICAL UNIVERSITY OF ST. THOMAS AQUINAS ("Angelicum), the international house of studies at Rome, and supported other educational projects of the Order.

Father Cormier wrote incessantly, mostly devotional works or instructions for novices. Some of his works have been translated into English, but not by any means all of them. He wrote biographies of many eminent Dominicans, including Blessed Raymond of Capua and Father Jandel. His pen helped to make permanent the work done by Father Lacordaire and his companions in re establishing the Order in France and in the world. Father Cormier died in Rome in 1916 and was beatified by Pope John Paul II in 1995. HIS BODY NOW LIES IN THE CHURCH OF SS. DOMINIC AND SIXTUS AT THE ANGELICUM.

Thursday, May 20, 2010

You’ve commented. We’ve listened. Here’s what we have done so far/Avete commentato. Abbiamo ascoltato. Qui è che cosa abbiamo fatto finora.



Processo di implementazione finora delle richieste degli studenti che sono venute fuori dall’ultimo ciclo di valutazione: c’è stata una discussione delle cose importante da mettere a posto come risultato dell’ultima valutazione (questionari amministrati nei due semestri del 2007/2008 e i rapporti forniti dai consulenti esterni). Le cose seguenti sono venute fuori:
a. Sala computer: si cerca di metterla alla disposizione degli studenti quanto prima.
b. Wireless nella biblioteca e nella sala colonne: apposto!
c. Necessità di locali per gli studenti quando ci sono convegni (sala colonne oppure altri): è stato discusso la fattibilità di utilizzare lo spazio al piano terra del palazzo dei decanati dove c’è l’ufficio studenti e l’ufficio ASPUST (l’ultimo è attualmente inutilizzabile perché troppo umido). E’ un problema da risolvere
d. Fotocopiatrice nella biblioteca: con l’aiuto dell’amministratore, il bibliotecario sta creando più spazi nella biblioteca. Entro 6 mesi, dovrebbe essere possibile di installare una fotocopiatrice.



Current implementation of the requests of students gathered from the last cycle of evaluations: there has been a discussion of the important things that need to be put in place as a result of the last evaluation (questionnaires administered in the two semesters of 2007/2008 and reports supplied by external advisers). The following are the priorities:
a) Computer room: we are still attempting to make it fully functional.
b) Wireless in the library and the “Sala delle Colonne”: Done!
c) Need of premises for students when conventions take place (in the “Sala delle Colonne” or other places): the feasibility has been discussed to use the space on the ground floor of the Deaneries where the Office for Student Affairs and ASPUST are located (the last one is currently unusable because of too much humidity). It is in process of being resolved.
d)Photocopier in the library: with the aid of the administrator, the librarian is creating more spaces in the library. Within 6 months, there is the possibility of installing a photocopier.

Karol Wojtyla Discussion Group


LAST SESSION OF THE SEMESTER: 24 May, 2010 at 12:40

"HOMOSEXUALITY & SAME SEX MARRIAGE / DIGNITY OF MARRIAGE"


PLEASE HELP US SPREAD THE WORD FOR THIS IMPORTANT DISCUSSION!

Click here for site

EWTN Live: Fr. Thomas McDermott - St. Catherine of Siena

Assisi Gita Angelicum-Mater Ecclesia



Assisi Gita Angelicum-Mater Ecclesia (Maggio 15, 2010): galleria fotografica, video, vademecum.

Cliccare qui

Fr. Ragheed Ganni, R.I.P.



The Pontifical University of St. Thomas Aquinas invites you to the Holy Sacrifice of the Mass commemorating the martyrdom of Father Ragheed Ganni, Priest and Alumnus of the Angelicum on Tuesday, June 1, 2010 at 6:00pm (18:00) in the Angelicum Choir Chapel.

Thursday, May 13, 2010

Angelicum ex-professor appointed new bishop of Vinh, Vietnam


In Vinh, the Dominican Father Paul Nguyen Thai Hop, OP has been appointed bishop. Father Paul Nguyen Thai Hop, OP, was born in Lang Anh, Nghe An, Vinh diocese, February 2, 1945. He attended the Dominican Study Centre and the State University of Saigon, where he obtained a degree in Eastern Philosophy (1970). He holds a doctorate in Philosophy from University of Fribourg in Switzerland (1978), and then a doctorate in moral theology from the Faculty of Theology of São Paulo (Brazil). He was ordained priest on August 8, 1972.

After ordination he held the following positions: teacher in the Faculty of Theology in Lima (Peru), in the '80s, and the Pontifical University of St. Thomas Aquinas in Rome (1997-2003) in the Faculty of Social Sciences , responsible for the intellectual formation of the Dominican Province of Vietnam (2003-2007), adviser to the Dominican Province (2003-2007). Since 2000 he has been teaching Ethics and Social Doctrine of the Church at the Dominican Centre for Studies and various religious institutions and religious sciences at the State University of Ho Chi Minh City.


(©AsiaNews - 13 maggio 2010)

WHAT DO YOU CALL MARY?


Does your family have its own favorite title or name for Our Blessed Mother? For that matter, do you?

by Father Michael Monshau, O.P., professor of liturgy, homiletics and spirituality at the Pontifical University of St. Thomas Aquinas (“The Angelicum”), Rome.

Click here to read the article.

Tuesday, May 11, 2010

Graduation Evening/Serata di laurea 2010


(Molto) Rev.do. Prof. Alejandro Crosthwaite, O.P., Vice-Rettore con Delega alle Relazioni Pubbliche cordialmente invita a tutti coloro che terminano quest'anno un ciclo di studi a un rinfresco di cocktails & antipasto

Giovedì maggio 27, 2010 ore 18.30 - 20.00 nell'Aula del Senato.

Amministrazione, docenti & personale sono cordialmente invitati.

SI PREGA DI RISPONDERE PRIMA del 22 MAGGIO email: prpurst@yahoo.com

(Very) Rev. Prof. Alejandro Crosthwaite, O.P., Vice-Rector of Public Relations requests the honor of all those graduating from a cycle this year to a cocktail & hors d’oeuvres reception

Thursday May 27, 2010 from 6:30 - 8:00 pm in the"Aula del Senato"

Administrators, faculty & staff are cordially invited to attend.

PLEASE RVSP BY MAY 22 e-mail: prpust@yahoo.com

The 2009-2010 official numbers are:


Student/Studenti: 1,330
Theology/Teologia: 572
Canon Law/Diritto canonico:138
Philosophy/Filosofia:174
Social Sciences: Scineze sociali: 215
ISSR:173
Faculty/Docenti:143
Library volumes/Libri biblioteca: 230,000

Sunday, May 9, 2010

Angelicum launches video news channel on YouTube



The Pontifical University of St. Thomas Aquinas in Rome has launched a video channel on YouTube that will feature news coverage of the University and major Angelicum events: http://www.youtube.com/user/prpust.

It marked the start of the Angelicum's PR Office strategic vision of working "to help the Angelicum as an international, Catholic, ecclesiastical and Dominican institution bring the University’s community, alumni, friends and benefactors closer to the university and one another," said the (Very) Rev. Alejandro Crosthwaite, OP, Vice-Rector for Public Relations of the Angelicum.

The Angelicum officially unveiled the new channel May 9, 2010. The new Angelicum PR Office initiative will make information and news about the Angelicum more readily accessible on the Internet together with its Facebook & Twitter sites and the Angelicum Newsletter Blog that as been on-line since 2008.

The wise use of online networking technology can help people join the Angelicum community "in the Dominican tradition of 'sharing with others the fruits of our contemplation' transcending geographical boundaries in an inexpensive way," Fr. Crosthwaite said.

Viewers will be able to leave comments, distribute the videos by e-mailing or messaging the links, and share the videos with friends on various social networking sites like MySpace and Facebook, as well as submit the Angelicum video links to news aggregator sites like Digg.

Prof. Crosthwaite said the YouTube initiative was only the beginning of a long journey utilizing some of the possibilities today's digital media and platforms offer.

He said the Angelicum hopes to expand the kind of video coverage it offers to include Angelicum student- and professor-made videos.

Novissima Lectio


Il Decano della Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università S Tommaso d'Aquino di Roma e' lieto di invitarla alla "Novissima Lectio", tenuta dal Rev.mo. Prof. Mons. Jose Maria Serrano Ruiz, Presidente della Corte d'Appello del Tribunale del Vaticano: "Il carattere personale del matrimonio. Questioni di terminologia e di contenuto essenziale"

Mercoledì 19 maggio 2010 alle ore 11.30 nell'Aula S. Raimondo.

Seguirà rinfresco

Saturday, May 8, 2010

Conferenza all'Angelicum sul dialogo interreligioso



◊ Un appuntamento intenso, quello che si è tenuto mercoledì scorso all'Angelicum di Roma, dove una giovane teologa musulmana anglo-pakistana, Mona Siddiqui, direttrice del “Center for the Study of Islam” dell'università di Glasgow, una delle voci più autorevoli nei circoli accademici islamici, ha proposto un modo nuovo per l’islam di guardare all’ebraismo e al cristianesimo, in occasione della terza conferenza annuale sul dialogo tra le religioni della Pontificia Università San Tommaso d'Aquino. C’era per noiClaudia Di Lorenzi:

Una teologia islamica fondata sul concetto di “compassione” che favorisce l’incontro e il dialogo fra le religioni monoteiste: da qui muove l’intervento della teologa musulmana Mona Siddiqui, che all’Angelicum ha lanciato la proposta di una teologia islamica che valorizza il pluralismo e la diversità che – dice la studiosa – sono “volontà di Dio”, quell’unico Dio a cui, seppur in forme differenti, cristiani, ebrei e musulmani si rivolgono. “L’unitarietà e la diversità dell’umanità – spiega – sono temi che coesistono nel Corano” e possono essere interpretati sia in senso inclusivista che esclusivista, e proprio da questa scelta dipende la possibilità del dialogo e di una convivenza pacifica fra popoli di fedi diverse, giacché – sottolinea Mona Siddiqui - la vera sfida del pluralismo è “convivere nella quotidianità, traducendo la teologia nella vita pratica”:

“ People already have cooperation on a social level…
Le persone già cooperano a livello sociale ed ecco perché è importante che capiscano le implicazioni di essere aperti, di un vero pluralismo, che ci richiede di pensare alle famiglie che stiamo crescendo, che ci impone di pensare alle nuove generazioni, perché non finiscano con il vivere in comunità emarginate”.


Un impegno al dialogo e alla cooperazione che coinvolge sempre più anche i musulmani:

“I was born in Pakistan, I was raised…
Sono nata in Pakistan e sono cresciuta nel Regno Unito, ma conosco la situazione delle minoranze religiose nei Paesi musulmani e penso che ci sia davvero un problema lì e penso che la percezione di molte persone sia quella secondo la quale le comunità musulmane richiedono tolleranza quando vivono all’estero, ma non la possono dare quando vivono in patria. Penso che molti di noi stanno cercando di dissociarsi da quel tipo di visione dell’islam. Quindi, alcuni di questi messaggi sono messaggi molto semplici, ma devono essere ripetuti. E uno di questi è: come si può dare e ricevere in uno spirito di generosità?”.

Ma qualunque forma di dialogo – prosegue – si fonda sull’umiltà e la volontà di venirsi incontro, come pure, aggiunge ilrabbino Jack Bemporad, direttore in New Jersey di un Centro per la Comprensione Interreligiosa – sulla ricerca della Verità:

“Io credo che la conoscenza sia essenziale. E questo proprio per le difficoltà che nel passato facevano dire: 'questa è la mia religione e solo noi abbiamo tutte le cose che sono buone'. Il Concilio Vaticano II ha cambiato completamente questo modo di vedere, dicendo che è necessario capire e rispettare l’altro per la rappresentazione che dà di se stesso. Questo lo dovrebbero fare anche le altre religioni”.

L’idea della comune radice in Dio – conclude Mona Siddiqui - scardina il concetto di “infedele” e i presupposti che alimentano guerre e conflitti interreligiosi. Anche se – precisa la teologa musulmana – il dialogo deve trovare sostegno nella volontà politica per sortire un reale cambiamento, altrimenti “rimane un nobile esercizio con un limitato effetto riconciliatorio”.

Friday, May 7, 2010

Louisiana Evening with the U.S. Embassy and the Lay Centre


Please join the U.S. Embassy to the Holy See & The Lay Center at Foyer Unitas for a Louisiana-themed evening featuring Cajun food and the New Orleans-based Disney fairytale The Princess & the Frog.

Wednesday May 19, 2010 at 6:30pm at the Lay Center at Largo della Sanità Militare, 60, Rome, Italy 00184.

RSVP at VaticanRSVP@state.gov

Thursday, May 6, 2010

Una visione islamica dei rapporti con ebraismo e cristianesimo



La compassione chiave del dialogo tra le fedi

"Le prospettive islamiche sull'ebraismo e sul cristianesimo" è il titolo della conferenza che la direttrice del Centro per gli studi sull'islam dell'università di Glasgow, in Scozia, ha tenuto nel pomeriggio di mercoledì 5 a Roma, presso la Pontificia Università San Tommaso d'Aquino. Pubblichiamo una sintesi dell'intervento della studiosa, musulmana e d'origine pakistana, nota per il suo sostegno al dialogo tra le religioni e per un lavoro teologico che sottolinea il valore delle fedi monoteiste.

di Mona Siddiqui

Nella mia ricerca religiosa, sempre più mi accorgo che la conoscenza, intesa nella sua accezione più ampia, è un dono divino, non confinato in una religione in particolare. E che il perseguimento della conoscenza in tutte le grandi fedi è inestricabilmente legato alle grandi virtù della giustizia, della speranza e dell'amore. Il perseguimento della conoscenza è un esercizio nobile, ma questa diviene perfetta solo quando si fa anche ciò che è giusto e buono. La fede religiosa stessa può essere svuotata del dogma e della dottrina, ma considererà sempre le buone azioni come valori nobili in sé. Le buone azioni sono ciò che Dio stesso vuole. Il Corano dice: "Se Dio avesse voluto, vi avrebbe riunito in una unica comunità. Quindi gareggiate in buone azioni, così che Egli possa mettervi alla prova con ciò che vi ha dato" (5, 48).

I musulmani hanno storicamente avuto atteggiamenti differenti verso le altre religioni, specialmente quella ebraica e quella cristiana. L'unitarietà e la diversità dell'umanità sono temi che coesistono nel Corano e possono essere interpretati a supporto tanto di rivendicazioni inclusiviste, quanto esclusiviste. Molti esegeti musulmani ne hanno derivato il presupposto che la religione primordiale di tutte le genti fosse l'islam e che tutto iniziò con Adamo, considerato essere il primo profeta.

La questione non riguarda tanto il riconoscimento delle religioni ebraica e cristiana, in quanto queste erano già presenti nel sesto secolo. Inoltre, i musulmani riconoscono i loro antichi profeti come parti del loro credo. Le tensioni risiedono, invece, su come devono essere percepite teologicamente, oltre che nelle relazioni sociali.

La domanda essenziale riguarda il come i musulmani intendono il loro essere cittadini di maggioranza o di minoranza nell'odierna realtà sociale. L'esperienza umana di vivere e lavorare con popoli e culture differenti sarà il fattore determinante per uno sviluppo del pluralismo all'interno dell'islam? Oppure, le varianti ai testi del Corano significheranno che il non credente, cioè il non musulmano, non potrà mai essere considerato come un uguale?

Ci si può chiedere se gli accademici e i rappresentanti religiosi sperino veramente d'influenzare i conflitti e la politica nel mondo. Tra quelli che hanno lavorato al dialogo interreligioso, sono sicura di non essere la sola a ritenere che dove c'è conflitto fra i popoli, il dialogo religioso da solo non può condurre alla pace e alla riconciliazione. Che funzione può avere il dialogo quando le persone vengono fatte saltare in aria e le loro famiglie e le loro case vengono distrutte? A meno che non sia sostenuto dalla volontà politica, il dialogo rimane solo un nobile esercizio con un effetto limitato.

Molti in Occidente ritengono che il dialogo non è una necessità, ma un'opzione, un privilegio. Il lavoro interreligioso può essere un simbolo di unità tra le civiltà e può anche essere sentito tra i seguaci delle fedi. Ma funziona meglio quando c'è sia il testo che il contesto. Molti musulmani e cristiani rimangono convinti che il dialogo sia fondamentalmente difettoso, non solo dal punto di vista teologico, ma anche in termini pratici. Come possono i musulmani e i cristiani parlare dello stesso Dio quando hanno concezioni tanto differenti dello stesso Dio? Se il dialogo non punta alla conversione a Cristo o al verificarsi del Corano, qual è il suo scopo reale? Per me l'ebraismo, il cristianesimo e l'islam sono il compimento di un messaggio rivelato. Tutti noi abbiamo sbagliato a volte e continueremo a sbagliare se non pensiamo e non agiamo con compassione. La compassione non è un'astrazione teologica. Se Dio per me, come musulmana, è definito come l'essere più caritatevole, come posso allora io vivere quotidianamente quella pietà circondata per la maggior parte del tempo da gente di fede diversa o senza fede? La nostra ricerca di Dio non è una metafora. Essa richiede sacrificio e pazienza, ma soprattutto la gioia di saper condividere e vivere insieme, nonostante il conflitto, che è parte della condizione umana.

Il lavoro interreligioso non è mai stato, implicitamente o esplicitamente, finalizzato alla conversione. Da musulmana che ha vissuto gran parte della propria vita in Occidente, ho imparato che la fede parla in un processo d'apprendimento e accettazione, di dubbio e umiltà. La cosa più importante, è stata il comprendere che parlare d'umanità comune richiede una grande generosità nel fronteggiare la differenza pratica. Il dialogo è per me una estensione dell'ishan: "Agire sapendo che se tu non vedi Lui (Dio), Lui vede te".

(©L'Osservatore Romano - 6 maggio 2010)

Monday, May 3, 2010

St. Dominic de Guzman: Lumen Ecclesiae

Un domenicano a Camaldoli


Ricordo di padre Mariano Cordovani, O.P, primo teologo della Casa pontificia.

Articolo di Giulio Alfano, Presidente Emerito del Terz'Ordine Domenicano d'Italia e Malta.

Il 5 aprile di sessant'anni fa moriva il domenicano Mariano Cordovani, maestro del Sacro Palazzo Apostolico e primo teologo della Casa pontificia o, come si diceva allora, della Segreteria di Stato, collaboratore per molti anni de "L'Osservatore Romano".

Padre Mariano - al secolo Felice Cordovani - era nato il 25 febbraio 1883 a Serravalle Casentino vicino ad Arezzo. Sacerdote nel 1906, era entrato nell'ordine dei predicatori a 16 anni. Lettore di sacra Teologia al collegio di San Tommaso nel convento romano di Santa Maria sopra Minerva, nel 1912 fu nominato docente di filosofia all'Angelicum dove restò fino al 1921, Fu poi docente di Teologia all'Università Cattolica del Sacro Cuore per decisione di Benedetto xv. Rimase a Milano fino al 1927 pubblicando la trilogia Il Salvatore; Il Santificatore; Il Rivelatore; ancora oggi fondamentali studi di dottrina teologica. Fu in seguito nominato rettore e docente di Teologia dommatica e sacra predicazione all'Angelicum, restandoci fino al 1934. L'anno precedente era stato anche nominato libero docente presso l'università di Firenze, primo religioso a insegnare in un ateneo statale dal 1870.

Dal 1935 per breve periodo fu priore della Provincia Romana, mandato presto interrotto per la nomina, voluta da Pio xi, di Maestro del Sacro Palazzo, carica mantenuta fino alla morte. Nemmeno allora però rinunciò all'insegnamento, fedele al motto tomista Contemplata aliis tradere. Fu così professore anche al magistero Maria Santissima Assunta (oggi Libera Università Maria Santissima Assunta) di cui fu tra i primi docenti. Era assai legato alla fondatrice dell'Unione di Santa Caterina, madre Luigia Tincani (1889-1976) - che dell'istituto universitario fu fondatrice nel 1939 - così come a tutte le sue consorelle, definite da Pio xi "Missionarie della Scuola". Cordovani partecipò anche alle stesure delle più importanti encicliche di quel periodo, come la Divini Redemptoris (1937), alla quale fece da corollario il suo volumetto Appunti sul comunismo moderno. Anche Pio xii volle poi nominarlo motu proprio Teologo della Segreteria di Stato, nomina ad personam, inusitata e senza precedenti nella storia della Chiesa.

Cordovani fu interlocutore attento ed efficace di molti ambienti, non solo cattolici: si distingueva, infatti, per l'impegno nello studio delle fonti filosofiche dantesche, diventando in anni di acceso anticlericalismo, come quelli tra il 1912 e il 1920, ospite di importanti convegni letterari promossi da Bruno Nardi, e fu anche interlocutore di Giorgio Del Vecchio, grande giurista nonché massimo rappresentante della filosofia del diritto in campo laico negli anni Trenta.
La modernità di Cordovani, che spazia dall'etica alla politica, dal diritto alla teologia fino alla letteratura, risalta nell'analisi dei rapporti tra Stato e società. La famosa definizione tomista Ad popolum pertinet electio principuum sarebbe stata da lui attualizzata nei difficili anni del secondo dopoguerra, dopo che Pio xii - ancora in pieno conflitto: nel famoso radiomessaggio del Natale 1942 - aveva posto di nuovo la questione. In quegli anni tragici, quando ormai le maglie del regime fascista andavano rapidamente sfaldandosi, Cordovani, attivissimo protagonista anche del dibattito sociale, si occupava in un articolo del 1943 su "L'Osservatore Romano" - intitolato Il cittadino e la società - del ruolo sociale che il cattolicesimo avrebbe potuto e dovuto svolgere. L'analisi era chiarissima: richiamare ai doveri pubblici i cattolici nell'ora del dolore. Non a caso egli fu tra gli ispiratori, con monsignor Giovanni Battista Montini, del celebre convegno di Camaldoli del luglio 1943, da cui nacque l'omonimo Codice sull'economia mista che avrebbe ispirato tante fulgide intelligenze della futura Italia democratica. A Cordovani stava a cuore il "Progetto uomo", vale a dire, anticipando il messaggio conciliare, l'incontro con la ricchezza diversificata di ogni creatura che il Signore ha posto in questo mondo. E in ciò evidenziava come l'insegnamento tomista fosse la base dell'incontro armonico tra il senso critico e la coerenza di vita, rispettando i diritti della Rivelazione e della ragione.

Tommaso, per padre Mariano, privilegia le finalità soprannaturali dell'uomo, ma non accoglie totalmente la filosofia aristotelica per la quale solo lo Stato deve soddisfare i bisogni umani, poiché l'uomo ha un posto ben preciso nella concezione della Provvidenza, e una propria essenza fissa sulla quale si devono fondare la necessità e la giustificazione dello Stato, che va realizzato come strumento con cui il Creatore conduce gli uomini ad debitum finem. In tal modo Cordovani contribuisce a far comprendere come l'autorità, anche oggi in crisi verticale, non debba considerarsi un presupposto, bensì un risultato; e si radichi nei modi di una concreta condivisione.

Da teologo, e attento filosofo, egli ci aiuta a capire inoltre che l'autorità diventa condizione della democrazia che si manifesta come autentico terreno di coltura dell'autorità stessa, esprimendo l'una e l'altra, una modalità della libertà, ed evitando quel condiscendente conformismo che spesso sa di rinunciatario nichilismo. Cordovani ci insegna come Dio abbia tanto rispetto della libertà dell'uomo, che prima di entrare nella sua storia, per salvarlo, gli chiede addirittura il permesso in quanto è al libero assenso di una donna che Dio si affida.
La dottrina teologica del "bene comune" che qualifica come valore primario di una società umana la convivenza pacifica e ordinata sull'affermazione di valori particolari è la sintesi migliore del messaggio di attualità tomistica che Cordovani ci ha lasciato.


(©L'Osservatore Romano - 1 ° maggio 2010)